Consulenza o Preventivo Gratuito

Multe prese con l'Autovelox: ripartizione dal 2013

del 06/06/2012
di: di Stefano Manzelli
Multe prese con l'Autovelox: ripartizione dal 2013
Scatterà solo dal prossimo anno l'obbligo dell'attesa ripartizione dei proventi autovelox. Lo ha chiarito l'Anci con la nota interpretativa sulla ripartizione dei proventi delle multe stradali pubblicata ieri sul portale dell'associazione. Il comma 16 dell'art. 4-ter del dl 16/2012, inserito in sede di conversione dalla legge n. 44/2012, in vigore dal 29 aprile 2012, ha inciso in maniera grossolana in materia di contrasto degli autovelox utilizzati solo per fare cassa. In pratica la novella ha introdotto un automatismo specificando che anche in mancanza dell'atteso decreto necessario per avviare il complesso meccanismo della ripartizione e della rendicontazione dei proventi (frutto della riforma stradale di agosto 2010) il meccanismo anti abusi entrerà in vigore. In mancanza di istruzioni ministeriali l'unica certezza operativa al momento è che la ripartizione dei proventi autovelox riguarderà gli accertamenti alle violazioni dei limiti di velocità rilevati dagli organi di polizia stradale sulle strade appartenenti a enti diversi da quelli dai quali dipendono gli organi accertatori. Inoltre che le somme derivanti dalla ripartizione dei proventi delle sanzioni dovranno essere destinate alla realizzazione di interventi mirati, preventivamente individuati dalla legge. Ma anche che sarà necessario relazionare annualmente al ministero, entro il 31 maggio, tutte le infrazioni stradali accertate nel corso dell'anno precedente, con particolare attenzione all'autovelox. Sono molte però le criticità da risolvere. Innanzitutto la data dalla quale decorrono esattamente questi nuovi obblighi. A parere dell'Anci il dies a quo per il calcolo dei 90 giorni che daranno il via all'automatismo si calcola dal 29 aprile 2012, data di entrata in vigore della legge di conversione n. 44/2012. In tal caso, dunque, l'obbligo di ripartizione dei proventi e tutta la burocrazia connessa decorrerebbero dal 29 luglio 2012. O meglio a partire dall'esercizio finanziario immediatamente successivo ovvero dal 1° gennaio 2013. A parere dell'associazione dei comuni la novella non ha infatti abrogato il comma 3 dell'art. 25 della legge 120/2010. Questa disposizione consente di rinviare al prossimo esercizio finanziario tutte le novità in materia di autovelox.
vota