Consulenza o Preventivo Gratuito

K.o., negativo il primo test di vigilanza sulle casse

del 24/05/2012
di: Daniele Cirioli
K.o., negativo il primo test di vigilanza sulle casse
Negativo il primo test di vigilanza sulle casse. La limitazione di competenze e l'assenza di potere di iniziativa, infatti, riducono efficienza ed effettività ai controlli sugli enti previdenziali privati. Per di più, un controllo finanziato paradossalmente non da risorse pubbliche o somme poste a carico degli enti controllati, ma dai contributi pagati ordinariamente dai lavoratori iscritti ai fondi pensione. Lo spiega, tra l'altro, la relazione Covip sul 2011.

L'articolo 14 del dl n. 98/2011 ha attribuito alla Covip i controlli su investimenti e patrimonio degli enti previdenziali. Fu annunciata come una rivoluzione; ma, a leggere la relazione della Covip, è un flop. La ragione sta nella disciplina, che non ha attribuito alla Covip gli strumenti fondamentali per un'efficace vigilanza. Ossia la facoltà di svolgere a monte un'adeguata attività di regolamentazione; e la possibilità di porre in essere, a valle, misure volte a favorire una sana e prudente gestione dei soggetti controllati, anche mediante l'imposizione di iniziative correttive. Il completo esercizio del controllo da parte della Covip, comunque, è legato all'attuazione di una serie di provvedimenti che, per ora, non ancora sono stati adottati.

Nelle more della completa attuazione della disciplina, la Covip ha intrapreso una serie di iniziative preparatori. Prima fra tutte, l'attività di ricognizione di dati e informazioni degli enti controllati, necessari per poter dar seguito al referto dovuto ai ministeri vigilanti.

Per la nuova attività di controllo la Covip non ha ricevuto alcuna risorsa finanziaria aggiuntiva. Di conseguenza, il finanziamento avviene con le somme acquisite ordinariamente dalla Covip dai fondi pensione. Ciò vuol dire, dunque, che a pagare la nuova vigilanza degli enti privati sono i lavoratori iscritti ai fondi pensione con i loro contributi, che (in teoria) sono destinati alla pensione di scorta.

vota