Consulenza o Preventivo Gratuito

Agroindustria leva per lo sviluppo

del 15/05/2012
di: di Luigi Chiarello
Agroindustria leva per lo sviluppo
Il nuovo decreto legge per la crescita (il cui arrivo è stato anticipato da ItaliaOggi il 10/5/2012) sarà pronto entro una settimana, dieci giorni al massimo. E conterrà anche misure per il rilancio dell'agroalimentare, dell'agroindustria in particolare. Secondo quanto risulta a ItaliaOggi, il ministro allo sviluppo economico, Corrado Passera, ha fatto sua l'istanza del ministro alle politiche agricole, Mario Catania, di puntare su un maggiore sostegno al comparto agroindustriale per riavviare la crescita economia del paese. La leva per innescare sviluppo in tal senso sarà un cocktail di misure, in gran parte stimate a costo zero per l'erario. Ovviamente, trattandosi di interventi di incentivazione, non tutto potrà essere senza copertura finanziaria. Ci saranno misure di semplificazione, ma anche interventi di spesa. In particolare, Catania e Passera puntano a riattivare una serie di fondi rimasti incagliati (per vari motivi) nel bilancio dello stato; strumenti di incentivazione, risorse mai spese nate per dare ossigeno a nuovi progetti di sviluppo. Intanto, i tecnici di tutti i ministeri sono al lavoro. Le proposte dei singoli uffici legislativi sono state inviate al dicastero competente per il coordinamento, quello dello sviluppo economico. Passera avrà il compito di ricomporre il mosaico, mentre la Ragioneria dello stato dovrà stimare le ricadute in termini di esborso per le casse pubbliche. Il testo, molto probabilmente, finirà in preconsiglio alla fine di questa settimana o agli inizi della prossima. Il consiglio dei ministri, infatti, questa settimana non si terrà; slitterà agli inizi della prossima settimana (tra martedì 22 e mercoledì 23), per via degli impegni del presidente del consiglio, Mario Monti, legati al prossimo G8, il trentottesimo della storia, che si terrà nei giorni 18 e 19 maggio, a Camp David, nel Maryland (Usa).

vota