Consulenza o Preventivo Gratuito

Sanabile il durc negativo

del 23/03/2012
di: di Daniele Cirioli
Sanabile il durc negativo
Il committente che intenda sostituirsi all'appaltatore nel pagare il debito Inail deve preventivamente informare l'istituto assicuratore, al fine di verificare l'attualità dell'inadempienza contributiva. Lo precisa l'Inail nella nota n. 2029/2012 in merito all'intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di Durc negativo.

Intervento sostitutivo. L'articolo 4 del dpr n. 207/2010 prevede che, in presenza di un Durc negativo (cioè con irregolarità nei versamenti dovuti agli istituti previdenziali e/o alle casse edili), le stazioni appaltanti si sostituiscano al debitore (appaltatore e/o subappaltare del quale abbiano avuto il Durc negativo) e procedano a pagare, in tutto o in parte, il debito contributivo trattenendo il relativo importo dal corrispettivo dovuto.

Ambito di intervento. Ai fini dell'applicazione dell'intervento sostitutivo, l'Inail spiega che l'inadempienza indicata nel Durc riguarda un determinato «operatore economico», termine con cui si intende qualsiasi soggetto, sia persona fisica sia giuridica, che sia parte di un rapporto contrattuale soggetto alla disciplina del codice dei contratti pubblici e che ai fini Durc sia tenuto all'obbligo assicurativo nei confronti di Inail e Inps e, nel caso di imprese edili, anche nei confronti della cassa edile. Inoltre, il termine «contratto pubblico» comprende tutte le tipologie di appalti pubblici, i servizi e le attività in convenzione e/o concessione, nonché tutti gli altri contratti, assoggettati a una procedura di evidenza pubblica e disciplinati dal codice dei contratti pubblici, avente a oggetto un dare o un facere funzionale alla realizzazione di un risultato e/o di un vantaggio e dietro pagamento di un corrispettivo.

Indicazioni operative. Sotto il profilo procedurale, l'Inail spiega che, ricevuto il Durc attestante l'irregolarità, la stazione appaltante deve comunicare preventivamente alla sede Inail che ha accertato l'inadempienza, per posta elettronica o posta elettronica certificata, la volontà di attivare l'intervento sostitutivo. A tal fine va utilizzato un modello appositamente predisposto in cui va indicato l'importo che si intende versare all'Inail. Ricevuta la richiesta della stazione appaltante, la sede Inail procede tempestivamente a verificare l'attualità dell'inadempienza contributiva attestata sul Durc al fine di tenere conto di eventuali pagamenti o di variazioni relative al dovuto intervenuti tra la data di emissione del Durc e la data di ricezione della comunicazione preventiva. Inoltre, la stessa sede Inail comunicherà al responsabile del procedimento della stazione appaltante il codice Iban e, se nel frattempo l'inadempienza Inail si è ridotta rispetto all'importo indicato dalla stazione appaltante nella comunicazione preventiva, anche il minor ammontare del debito ancora da versare all'Inail.

vota