Consulenza o Preventivo Gratuito

Ordini necessari al sistema Paese

del 03/03/2012
di: Pagina a cura di Benedetta Pacelli
Ordini necessari al sistema Paese
Altro che abolizione degli ordini. All'indomani del Professional day il vero tema sul tavolo della discussione non è più quello di smobilitare le categorie professionali (cosa che lo stesso ministro Severino ha escluso di voler fare) ma, al contrario, di esaltarne quella funzione di sussidiarietà, quel ruolo cioè svolto come collaboratori della pubblica amministrazione. Del resto sono gli stessi professionisti, con il pacchetto di proposte presentato, a chiedere che questo ruolo venga riconosciuto e soprattutto esaltato sottolineando come, prima di intervenire su qualsiasi settore, sia necessario immaginare quali effetti avrà deregolamentarlo. Ma cosa fanno, quindi, ogni giorno per lo Stato questo cittadini che, al pari di altri, vogliono una p.a. che funzioni nella legalità? Basta scorrere le pagine del libro di Rosario De Luca Professionisti, Privilegiati&Parassiti. La grande mistificazione (edizione NovecentoMedia), presentato proprio in occasione del Professional day, per rendersene conto. Si inizia con i professionisti che operano «nel pubblico», coloro, cioè, che lavorano sostanzialmente in ambito medico-sanitario e hanno a che fare prevalentemente con strutture pubbliche. La tutela della salute è un diritto sancito nella Costituzione, quindi il personale delle strutture sanitarie deve essere non solo altamente qualificato ma, anche, continuamente aggiornato. Ci sono, poi, i professionisti «per la tutela» del bene pubblico. Sono coloro ai quali, per formazione e competenze, lo Stato conferisce funzioni di presidio della sicurezza del territorio e dei suoi beni naturali. Se si affidassero, per esempio, i lavori di competenza dell'agronomo a individui privi di preparazione adeguata, si potrebbe mettere a rischio la sicurezza alimentare e ambientale. Dalla campagna alla città, agli architetti il ruolo di essere garanti di qualità e sicurezza nelle trasformazioni delle città e del territorio. Contribuiscono alla progettazione e alla realizzazione dello sviluppo urbano, con competenze e responsabilità diverse, ingegneri e geometri i quali hanno a che fare con un territorio caratterizzato da livelli di rischio sismico e idrogeologico elevati. Lo studio del territorio da parte del geologo è preliminare rispetto a qualsiasi uso e gestione del suolo e del sottosuolo. E, oggi, questo è un obbligo di legge: non c'è opera umana, edilizia, infrastrutturale, insediativa, di uso di risorse naturali che non debba essere preceduta da uno studio geologico. Particolarmente impegnati sul fronte della sicurezza nelle abitazioni sono i periti industriali da anni impegnati, con il contribuito del Censis, a monitorare il settore della sicurezza di cui sono i principali protagonisti. Ci sono, poi, i professionisti «al servizio» del pubblico. Se la difesa, come recita la Costituzione, «è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento», basta questo per comprendere quanto sia importante la funzione dell'avvocato nel processo. E quanto sia altrettanto determinante preservare all'Ordine il controllo deontologico sull'attività del legale. Lo Stato attribuisce diverse funzioni pubblicistiche anche al consulente del lavoro, una figura centrale nel processo di triangolazione fra Stato, imprese e lavoratori; favorisce la rapida circolazione delle informazioni e contribuisce a velocizzare tutti i processi. Fondamentali, invece, nel rapporto fra amministrazione finanziaria e contribuenti sono i commercialisti che si occupano anche della funzione della revisione contabile, intesa sia come attività del controllo imposto per legge a determinate società, sia come assistenza all'impresa nella corretta esecuzione degli adempimenti contabili e della contabilizzazione dei fatti economici. Fra tutte le professioni che operano nel settore giuridico-economico- contabile, una si distingue fra tutte, quella del notaio, un pubblico ufficiale istituito dallo Stato. Il duplice controllo, transazionale e sistemico si è confermato efficace nell'assicurare certezza e sicurezza alle transazioni rendendo il sistema affidabile e riducendo al minimo il contenzioso.

vota