Consulenza o Preventivo Gratuito

Iva nei beni strumentali Leasing uguale all'acquisto

del 17/02/2012
di: La Redazione
Iva nei beni strumentali Leasing uguale all'acquisto
Ai fini dell'Iva, il contratto di leasing di un bene strumentale può essere equiparato all'acquisto, qualora l'utilizzatore assuma la maggior parte dei rischi e benefici inerenti alla proprietà legale e l'importo complessivo delle rate copra l'intero valore del bene. È quanto si legge nella sentenza pronunciata dalla Corte di giustizia Ue il 16 febbraio 2012 nel procedimento C-118/11, avente ad oggetto l'interpretazione delle disposizioni in materia di detrazione dell'Iva, in relazione all'imposta pagata da una società a fronte di due contratti, uno di locazione semplice e di uno di leasing, di veicoli utilizzati dall'amministratore per spostarsi dal proprio domicilio al luogo di lavoro. L'autorità fiscale bulgara, in sede di accertamento, aveva contestato la detrazione dell'Iva ritenendo non provata l'utilizzazione dei veicoli ai fini dell'attività economica della società. Ne scaturiva una controversia nell'ambito della quale i giudici nazionali decidevano di porre alla corte di giustizia una serie di questioni volte a chiarire a quali condizioni la direttiva consenta al soggetto passivo di detrarre l'Iva versata per un contratto di locazione di un autoveicolo e per la locazione di un alto autoveicolo in forza di un contratto di leasing, e in quale momento tali condizioni debbano essere soddisfatte affinché sorga il diritto a detrazione. Nella sentenza, la Corte osserva che, poiché la direttiva autorizza la detrazione nei limiti in cui i beni e i servizi sono impiegati dal soggetto passivo ai fini di sue operazioni soggette ad imposta, è necessario anzitutto qualificare le attività in esame alla luce della nozione di operazione imponibile. In questo contesto, la corte rileva che la locazione di un autoveicolo, non consistendo in una cessione di beni, in linea di principio deve essere qualificata come prestazione di servizi. Tuttavia, la locazione in base a contratto di leasing può presentare caratteristiche equiparabili all'acquisto del bene, anche al di fuori della previsione dell'art. 14, par. 2, lett. b) della direttiva Iva, che qualifica espressamente cessione la consegna materiale di un bene in forza di un contratto che prevede la locazione di tale bene per un determinato periodo, accompagnata dalla clausola secondo cui la proprietà è normalmente acquisita al più tardi all'atto del pagamento dell'ultima rata. Infatti, anche se nel leasing non si verifica necessariamente l'acquisto del bene, avendo il locatore la mera facoltà di riscatto, lo Ias 17 distingue il contratto di locazione semplice da quello di leasing, il quale è caratterizzato dal trasferimento al locatario della maggior parte dei rischi e benefici inerenti alla proprietà legale. Posto che la nozione di cessione di beni non si riferisce al trasferimento della proprietà nelle forme del diritto nazionale, la corte conclude che qualora il contratto di leasing preveda o il trasferimento di proprietà del bene al locatario alla scadenza, oppure che il locatario disponga delle caratteristiche essenziali della proprietà del bene, ossia che gli venga trasferita la maggior parte dei rischi e benefici inerenti alla proprietà legale e che la somma delle rate, interessi inclusi, sia praticamente identica al valore venale del bene, l'operazione deve essere equiparata all'acquisto di un bene di investimento. Quanto alla detrazione dell'Iva, per il veicolo in locazione semplice l'inerenza con l'attività va verificata alla scadenza del periodo di pagamento dei canoni; per il veicolo in leasing, invece, rileva la destinazione del bene al patrimonio dell'impresa nel momento dell'acquisto, per cui ove il soggetto abbia optato per la detrazione integrale, la successiva utilizzazione per fini estranei all'impresa darà luogo a operazione imponibile.

Franco Ricca

vota