Consulenza o Preventivo Gratuito

Dall'Inps ancora disagi

del 13/01/2012
di: Il Presidente nazionale Francesco Longobardi
Dall'Inps ancora disagi
Pubblichiamo la lettera che il numero uno dell'Ancl ha inviato al presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua, sui nuovi disagi causati dai «problemi in merito alle procedure di ottenimento della disoccupazione con requisiti ridotti”

Egregio Presidente,

Mi duole segnalarLe l'ennesimo disagio procurato dagli Uffici periferici dell'Inps in ordine alla procedura per l'ottenimento della indennità di disoccupazione con requisiti ridotti, che sta particolarmente incidendo sul lavoro quotidiano di moltissimi Colleghi su tutto il territorio nazionale.

Con messaggio 3 gennaio 2011, n. 78, codesto Istituto aveva apprezzabilmente adottato la semplificazione delle operazioni di liquidazione con il prelievo automatizzato dei dati dagli archivi in possesso dell'Istituto, evitando di gravare azienda e lavoratore dell'obbligo di produrre il modello dl 86/88-bis con i dati relativi al rapporto di lavoro, attraverso l'integrazione nel flusso Uniemens del calendario giornaliero.

Disattendendo palesemente tali istruzioni, continua a essere richiesto dai predetti Uffici il citato modello, nonostante i Consulenti del Lavoro si siano prontamente adeguati alle disposizioni impartite.

È appena il caso di rappresentarLe e di ribadire quanto già assunto in sede di incontri, che i processi di modernizzazione e riorganizzazione adottati dall'Istituto non possono e non devono riverberare evidenti inefficienze sui Colleghi, già gravati smisuratamente di adempimenti che agevolano più le Amministrazioni che se stessi.

È ulteriormente inaccettabile che si pervenga congiuntamente a soluzioni condivise che poi taluni uffici disattendono con i loro comportamenti gli accordi raggiunti.

Ho avuto già modo di indicare personalmente alla Sua dirigenza centrale che i messaggi dell'Istituto non sono materia di interpretazione ma di immediata applicazione: e ciò deve valere per i Consulenti del Lavoro quanto per l'Istituto stesso.

Essendo reiterate le disapplicazioni di talune disposizioni impartite, a nome dell'Associazione che rappresento Le chiedo di intervenire presso le Direzioni periferiche inadempienti, affinché rispettino le disposizioni emanate dall'Istituto medesimo.

Nell'auspicare pronto riscontro e pronta risoluzione del problema evidenziato, Le riferisco che l'insieme degli adempimenti infondatamente richiesti dall'Istituto o inutilmente duplicati, potranno a breve formare oggetto di una azione collettiva promossa da questo Sindacato, al fine di pervenire al risarcimento dei tempi ed energie dei singoli colleghi sottratti ingiustificatamente alla propria attività.

vota