Consulenza o Preventivo Gratuito

Fabbricati rurali, le domande da presentare fino al 31 marzo 2012

del 31/12/2011
di: La Redazione
Fabbricati rurali, le domande da presentare fino al 31 marzo 2012
Prorogato al 31 marzo 2012 il termine per la presentazione delle domande di variazione catastale all'agenzia del Territorio al fine di ottenere le agevolazioni fiscali sui fabbricati rurali.

Il differimento del termine è previsto dall'articolo 29, comma 8 del dl 216, che considera regolari anche le domande presentate dopo la scadenza del termine originario fissato al 30 settembre 2011.

La norma fa salvo però il classamento originario degli immobili rurali a uso abitativo.

Quindi sono interessati alle variazioni i titolari di immobili strumentali, per ottenere l'inquadramento catastale nella categoria D/10, per i quali dal prossimo anno con l'introduzione dell'Imu non sarà più prevista l'esenzione, ma un trattamento agevolato con applicazione dell'aliquota del 2 per mille, che i comuni potranno ridurre all'1 per mille.

Va ricordato che con decreto del ministro dell'Economia e delle finanze del 14 settembre 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 220/2011, è stata data attuazione alle disposizioni contenute nell'art. 7, commi 2-bis e seguenti del Dl Sviluppo (70/2011).

Sono state infatti fissate le modalità procedurali per la presentazione delle domande di variazione catastale all'agenzia del Territorio al fine di ottenere i benefici fiscali sui fabbricati rurali. Inoltre, sono stati indicati i documenti necessari che i contribuenti devono allegare alle richieste che potranno essere presentate, in seguito alla proroga, entro il 31 marzo 2012. Il provvedimento ministeriale ha dato indicazioni sul contenuto delle domande di variazione catastale e delle autocertificazioni che i contribuenti devono allegare alle istanze.

L'agenzia del Territorio, con la circolare 6/2011, ha fornito dei chiarimenti sugli adempimenti che devono porre in essere gli interessati.

Nella circolare viene precisato che la domanda di variazione per il riconoscimento della categoria catastale deve essere presentata solo per le unità immobiliari già iscritte al Catasto edilizio urbano, secondo le seguenti modalità:

  • mediante consegna diretta all'ufficio;

  • tramite servizio postale, con raccomandata con avviso di ricevimento;

  • tramite fax;

  • mediante posta elettronica certificata.

    Gli indirizzi degli uffici locali dell'Agenzia e ogni altro riferimento o indicazione utili alla presentazione della domanda di variazione sono consultabili sul sito internet: www.agenziaterritorio.gov.it.

    L'istanza deve presentata all'ufficio competente, in duplice originale, direttamente dal proprietario o titolare del diritto reale sui fabbricati rurali o tramite i soggetti incaricati, vale a dire i professionisti abilitati alla redazione degli atti di aggiornamento del Catasto terreni ed edilizio urbano oppure tramite le associazioni di categoria degli agricoltori.

    Un originale deve essere restituito come ricevuta al soggetto che ha presentato la domanda. Se la richiesta viene spedita tramite raccomandata con avviso di ricevimento, mediante fax o per posta elettronica certificata fanno fede, rispettivamente, le date di spedizione, di invio del fax o l'attestato di trasmissione elettronica. La compilazione e la presentazione della domanda è consentita anche con modalità informatiche.

    Sergio Trovato

  • vota