Consulenza o Preventivo Gratuito

Corsia telematica per i dati sul Ipt

del 31/12/2011
di: La Redazione
Corsia telematica per i dati sul Ipt
Approvato il nuovo modello per la denuncia dell'imposta su premi e accessori incassati dalle imprese di assicurazioni. E debutta un flusso di dati integrativo della denuncia, che dovrà essere inviato via web al Fisco, per segnalare gli importi annualmente versati alle province, distinti per contratto ed ente di destinazione. Dal 2012, infatti, la quota del prelievo relativa alla Rc auto diventerà tributo proprio delle province, per effetto delle norme in materia di federalismo regionale e provinciale recate dal dlgs n. 68/2011. Il modello, reso noto ieri, è stato approvato dall'Agenzia delle entrate con provvedimento del 29 dicembre (in tempo, quindi, rispetto al termine di legge previsto per la fine dell'anno).

Modello. Per effetto dell'articolo 9 della legge n. 1216/1961, le imprese di assicurazione sono tenute a presentare entro il 31 maggio di ogni anno la denuncia dell'ammontare complessivo dei premi ed accessori incassati nell'esercizio annuale scaduto, su cui è dovuta l'imposta, distinti per categorie di assicurazioni (ramo vita, ramo danni, di crediti ecc.). A decorrere dal 2012, come detto, l'imposta sulle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore (ciclomotori esclusi) sarà appannaggio delle province. Le quali, con effetto già sull'anno 2011, potranno aumentare o diminuire l'aliquota ordinaria del 12,5% in misura non superiore al 3,5%.

Con il modello pubblicato ieri, quindi, in sede di compilazione della denuncia le imprese di assicurazione avranno modo di indicare l'ammontare degli importi annualmente versati alle province. La denuncia annuale dovrà essere inviata dalle imprese assicurative entro il mese di maggio 2012. Le imprese di assicurazione aventi sede in un paese dell'Ue o dello Spazio economico europeo che operano in Italia in regime di libera prestazione di servizi (e che quindi trasmettono mensilmente la denuncia dei premi incassati nel mese precedente), dovranno invece utilizzare il modello a partire da febbraio 2012.

Analizzando il nuovo modulo, l'attuazione dell'articolo 17, comma 4 del dlgs n. 68/2011 è realizzata tramite l'inserimento del quadro AP, dedicato appunto alle polizze Rc auto la cui imposta spetta alle province. Ogni riga dovrà essere valorizzata con la sigla dell'amministrazione locale destinataria delle somme, l'imponibile, l'aliquota d'imposta propria di ciascuna provincia e l'ammontare dovuto.

Flusso informativo. Il provvedimento dell'Agenzia dispone che costituisce parte integrante del modello la comunicazione degli importi (relativi alle Rc auto) versati ogni anno alle province, distinti per contratto ed ente di destinazione. Tale comunicazione potrà essere presentata direttamente o tramite un intermediario abilitato e viaggerà, così come il modello principale, in maniera telematica secondo le specifiche tecniche e i tracciati record che saranno approvati successivamente dalle Entrate.

Le informazioni da indicare saranno: il numero di polizza, il codice fiscale del proprietario del veicolo, eventuali casi particolari di copertura (ditte di trasporto, di leasing o di noleggio), il numero di targa, la sigla della provincia, l'aliquota dell'imposta, l'ammontare del premio e dell'imposta, nonché il totale complessivo riferito a ciascuna provincia. Pertanto, contestualmente alla presentazione annuale della denuncia dell'imposta sulle assicurazioni, le compagnie dovranno trasmettere anche i suddetti dati, utilizzando la specifica procedura resa disponibile sul sito internet delle Entrate.

Valerio Stroppa

vota