Consulenza o Preventivo Gratuito

Disabili, in lista per l'assunzione

del 30/12/2011
di: di Daniele Cirioli
Disabili, in lista per l'assunzione
L'iscrizione nell'apposito elenco delle persone con disabilità tenuto presso gli uffici del lavoro non è condizione necessaria per la partecipazione a concorsi pubblici, ma requisito indispensabile per l'eventuale successiva assunzione (in quota riservata). Lo precisa, tra l'altro, il ministero del lavoro nell'interpello n. 50/2011.

L'iscrizione negli elenchi. Il ministero risponde al Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) che, in materia di assunzioni obbligatorie, ha chiesto di sapere due cose: primo, se sia o meno obbligatoria l'iscrizione alle liste di collocamento del personale da assumere qualora siano svolte procedure concorsuali; e poi se dal novero dei soggetti su cui conteggiare il contingente annuale da assumere vadano esclusi, oltre i dirigenti amministrativi, anche i dirigenti di ricerca e i dirigenti tecnologi. Al primo quesito, il ministero risponde precisando che l'iscrizione nell'elenco costituisce presupposto per accedere alla riserva dei posti nelle procedure selettive e condizione per la chiamata numerica e nominativa (resta ferma la preferenza a parità di merito e a parità di titoli, ex articolo 5 del dpr n. 487/1994). In particolare, poi, il ministero chiarisce che, ai soli fini della partecipazione a concorsi, l'iscrizione nell'elenco non costituisce condizione necessaria. In altri termini, la selezione attraverso concorso pubblico è utile all'individuazione dei soggetti con cui la p.a. potrà utilmente sottoscrivere un contratto di lavoro; a seguito di tale selezione occorrerà tuttavia che il soggetto disabile sia iscritto alle liste di collocamento.

Solo i dirigenti fuori quota. Sul secondo quesito il ministero evidenzia che la legge n. 68/1999 prevede la non computabilità, nella base di calcolo della quota di riserva, fra gli altri dipendenti, del personale dirigente. Ai sensi dell'articolo 12 del Ccnl applicabile al comparto degli enti di ricerca, aggiunge il ministero, le categorie di ricercatori e tecnologi sono iscritte nell'area del personale non dirigente. In realtà, si tratta di figure professionali che, per quanto «non gerarchicamente subordinate alla dirigenza», perché dotate di autonomia gestionale, non rientrano organicamente in essa con la conseguenza che non possono essere computate ai fini del calcolo della percentuale di obbligo nelle assunzioni di disabili.

vota