Consulenza o Preventivo Gratuito

Contanti operazioni segnalate

del 30/12/2011
di: di Fabrizio Vedana
Contanti operazioni segnalate
Da gennaio le segnalazioni delle operazioni rilevanti ai fini antiriciclaggio andranno inviate esclusivamente tramite internet. Tra le operazioni da segnalare anche quelle in contanti. Lo prevede il provvedimento emanato il 22 dicembre scorso dall'Unità di Informazione Finanziaria della banca d'Italia.

I soggetti tenuti a osservare le nuove disposizioni sono: banche, Poste italiane spa, istituti di moneta elettronica (Imel), istituti di pagamento, società di intermediazione mobiliare (Sim); società di gestione del risparmio (Sgr); società di investimento a capitale variabile (Sicav); imprese di assicurazione che operano in Italia nei rami di cui all'articolo 2, comma 1, del Codice delle assicurazioni, intermediari finanziari iscritti nell'albo previsto dall'articolo 106 del Tub; società fiduciarie di cui all'articolo 199 del dlgs 58/98; succursali insediate in Italia dei soggetti indicati alle lettere precedenti aventi sede legale in uno stato estero; Cassa depositi e prestiti spa; società fiduciarie di cui alla legge 1966/39; società di revisione iscritte nell'albo speciale previsto dall'articolo 161 del Tuf. Per tutti viene previsto l'obbligo di trasmettere all'Uif, con cadenza mensile, i dati concernenti la loro operatività, aggregati secondo i criteri definiti nello stesso provvedimento. Tra i dati che dovranno essere comunicati anche quelli relativi alle transazioni in contanti che non hanno superato la soglia di importo prevista per la registrazione ovvero inferiori ai 15 mila euro ma che inizialmente sono state prese in considerazione come possibili operazioni frazionate. Rientrano, quindi, tra le operazioni da segnalare anche quelle pari o superiori a 3 mila euro: è questa, infatti, la soglia fissata a livello bancario ai fini del calcolo delle frazionate. Resta confermato, come già previsto anche in passato, l'obbligo di effettuare la segnalazione, di tipo negativo, nel caso in cui nel corso del mese non siano state effettuate operazioni rilevanti ai fini della produzione dei dati aggregati. I dati andranno inviati all'Uif entro il secondo giorno del terzo mese successivo a quello di riferimento: per esempio entro il 2 maggio 2012 andranno inviati i dati relativi al mese di febbraio.

vota