Consulenza o Preventivo Gratuito

Al via gli incentivi alla sicurezza

del 28/12/2011
di: di Daniele Cirioli
Al via gli incentivi alla sicurezza
Via libera agli incentivi dell'Inail per la sicurezza. Escluso il click day, l'assegnazione dei contributi avverrà sulla base di una procedura valutativa delle domande (requisiti, progetto ecc.). A partire da oggi e fino al 17 marzo 2012 è possibile predisporre le domande, direttamente con la procedura informativa presente sul portale internet dell'Istituto assicuratore, mentre l'invio vero e proprio (la presentazione, sempre con procedura online) sarà possibile dopo il 14 marzo, in data ancora da fissarsi. A stabilirlo è il bando dell'Inail pubblicato sulla G.U. n. 300 di ieri che mette a disposizione 205 milioni di euro ripartiti su base regionale.

Il bando 2011/2012. Il finanziamento rientra nelle attività previste dall'articolo 11 del T.u. sicurezza (il dlgs n. 81/2008) che, appunto, affida all'Inail il compito di finanziare con proprie risorse, progetti di investimento e di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, rivolti in particolare alle piccole, medie e micro imprese, nonché progetti finalizzati alla sperimentazione di nuove soluzioni e strumenti di natura organizzativa e gestionale ispirati a principi della responsabilità sociale delle imprese. Il bando pubblicato sulla gazzetta ufficiale è relativo alla seconda tranche dei contributi; per la prima tornata (nell'anno 2010) l'Inail mise a disposizione 60 milioni di euro, per l'appuntamento 2011 le risorse disponibili ammontano a 205 milioni di euro ripartiti in budget regionali (la ripartizione tiene conto del numero degli addetti e della gravità degli infortuni sul territorio); nel quadriennio 2011/2014 raggiungerà la cifra totale di circa 850 milioni. L'assegnazione dei contributi avverrà con procedura valutativa a sportello; ciò esclude, pertanto, la tradizionale corsa del click day, come ci è stata per i 2010. In pratica a partire dalle ore 12 di oggi e fino alle ore 18 del 7 marzo è possibile compilare la domanda che andrà spedita dopo il 14 marzo, in data che sarà comunicata dall'istituto.

Le aziende interessate. Il bando si rivolge a tutte le imprese, anche a quelle individuali, purché con sede in Italia e iscritte alla camera di commercio. Le imprese possono presentare un solo progetto, di un solo tipo, per una sola unità produttiva. Si possono presentare solo progetti d'investimento o di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Il contributo. Il contributo dell'Inail è pari al 50% delle spese ammesse in relazione a ciascun progetto presentato dalle aziende. E' un contributo in conto capitale e non può superare i 100 mila euro.

La domanda. Le imprese possono operare online (www.inail.it) con una procedura che consente di valutare i propri requisiti, di inserire il proprio progetto e le informazioni richieste, di salvare la domanda e di ricevere il codice identificativo che permetterà l'invio telematico alla data ancora da stabilirsi (verrà pubblicata sul sito dell'Inail a partire dal 14 marzo 2012). Trasmessa la domanda, in caso di accoglimento l'impresa dovrà entro 30 giorni confermare la richiesta inoltrando per Pec (Posta elettronica certificata) i documenti relativi al progetto e al possesso dei requisiti dichiarati; in mancanza di conferma, l'impresa non è ammessa al contributo. La documentazione che non è possibile inviare via Pec andrà consegnata a mano o spedita per posta nello stesso termine di 30 giorni alla sede regionale Inail di competenza. In questi primi tre mesi, dunque, le imprese hanno la possibilità di effettuare tutte le simulazioni e le modifiche necessarie, direttamente online, allo scopo di verificare che i parametri associati alle proprie caratteristiche aziendali e del progetto siano tali da determinare il raggiungimento del punteggio minimo di ammissibilità, pari a 105 (punteggio soglia). I parametri da considerare per il raggiungimento del punteggio soglia attengono principalmente a: dimensione aziendale, rischiosità dell'attività di impresa, numero di destinatari, finalità, tipologia ed efficacia dell'intervento, con la ulteriore previsione di un bonus nel caso di collaborazione con le parti sociali nella realizzazione dell'intervento.

L'assegnazione dei contributi. Una volta trasmesse, le domande verranno registrate nell'ordine cronologico di arrivo; il relativo elenco per ciascuna regione e provincia autonoma sarà messo online sul portale dell'istituto. Saranno ammesse alle fasi di conferma e di verifica dei requisiti le domande collocate nell'elenco cronologico fino alla copertura delle risorse disponibili. Il contributo sarà erogato dopo la realizzazione del progetto, salvo un'anticipazione richiedibile per le domande superiori a 30 mila euro. In particolare, in caso di ammissione l'impresa ha un termine massimo di 12 mesi per realizzare e rendicontare il progetto. Entro 90 giorni dal ricevimento della rendicontazione, in caso di esito positivo delle verifiche, l'Inail predispone quanto necessario all'erogazione del contributo.

Nel 2010 finanziati 1.086 progetti, il 98% a pmi. Il primo bando, conclusosi il 12 gennaio di quest'anno, ha visto esaurire nel giro di un'ora i 60 milioni di euro disponibili (ci fu il click day). Al termine delle verifiche risultarono finanziati 1.086 iniziative, il 98% delle quali relative a progetti di prevenzione realizzati da parte di piccole e medie imprese. Per quanto riguarda la tipologia di progetti ammessi, quasi 3/4 (il 74%) sono stati relativi a investimenti (in particolare, per l'acquisto di attrezzature), il 20% all'adozione di modelli organizzativi responsabili e un restante 6% alla formazione.

vota