Consulenza o Preventivo Gratuito

Pos, tetto massimo dell'1,5% per le commissioni

del 16/12/2011
di: La Redazione
Pos, tetto massimo dell'1,5% per le commissioni
L'obbligo della «tracciabilità» per pensioni, stipendi e pagamenti della p.a. avrà una soglia più alta. Non più 500 euro bensì 1.000. E la macchina dell'adeguamento per consentire la modernizzazione degli strumenti di pagamenti avrà tre mesi di tempo. Altra novità per chi, negoziante, ha un pos. Arriva il tetto massimo alla commissione dovuta agli istituti di credito. Per ogni transazione non potrà superare l'1,5%. Sono queste le principali novità della nuova formulazione dell'articolo 12 della manovra Monti su cui oggi si voterà la fiducia alla Camera. Il limite di importo di 1.000 euro per cui il pagamento deve essere erogato con strumenti di pagamento elettronici bancari o postali, o anche le carte prepagate può essere modificato con un decreto del ministero dell'economia e delle finanze. Mentre il termine dell'adeguamento potrà essere prorogato per specifiche e motivate esigenze.

Banca di Italia, Abi, Poste italiane e le associazioni dei prestatori dei servizi di pagamento dovranno definire con una convenzione le caratteristiche di un conto corrente o di un conto di pagamento di base. Inoltre dovrà essere stabilito l'ammontare degli importi delle commissioni da applicare sui prelievi effettuati con carta autorizzata.

Il conto corrente è offerto a zero spese per le fasce socialmente svantaggiate della clientela, mentre la disponibilità di un numero adeguato di servizi e operazioni e di una carta di debito gratuita è garantito per tutti coloro che accederanno al conto corrente di base. Quest'ultima tipologia di conto corrente è esente dall'imposta di bollo.

Sul fronte delle commissioni per i pos che pagano gli esercenti, la disposizione della manovra prevede che si apra un altro tavolo di confronto, stavolta anche con le imprese che gestiscono i circuiti di pagamento e le associazioni delle imprese per stipulare una convenzioni che assicuri le riduzioni delle commissioni bancarie. In ogni caso la commissione a carico degli esercenti per i pagamenti non può superare la percentuale dell'1,5%.

L'articolo 12 poi contiene la limitazione all'uso del contante con la soglia massima a 1.000 euro e la previsione che tutti coloro che risultano destinatari degli obblighi antiriciclaggio del dlgs 231/2007 debbono comunicare le violazioni alla circolazione non solo al ministero dell'economia ma anche all'Agenzia delle entrate.

Cristina Bartelli

vota