Consulenza o Preventivo Gratuito

I tempi di attesa verificati sul web

del 03/12/2011
di: di Matteo Rigamonti
I tempi di attesa verificati sul web
In Italia tre cittadini su cinque dispongono di informazioni certe sui tempi di attesa per le prestazioni erogate dal Servizio sanitario nazionale nel proprio territorio di residenza. Lo si apprende da uno studio di Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, che ha reso noto come il 63,33% degli italiani abbia la possibilità di ottenere queste informazioni. La ricognizione, che si è svolta nei mesi giugno-settembre 2010, si è suddivisa in due fasi: una prima in cui sono stati individuati 11 siti web istituzionali con indicati i tempi di attesa per le prestazioni sanitarie (9 regioni e 2 province autonome); una seconda dove sono stati analizzati i siti delle Aziende sanitarie (Aziende sanitarie locali e Aziende ospedaliere), situate nelle 10 regioni rimaste escluse a causa dell'assenza di siti web regionali con dati sui tempi di attesa.

Le regioni i cui siti istituzionali offrono la possibilità di accedere a informazioni sui tempi di attesa sono nove. L'elenco è aperto dalla Lombardia che, con i suoi quasi 9,5 milioni di cittadini residenti, permette al 16,13% della popolazione italiana di ottenere informazioni certe sui tempi di attesa per visite mediche e altre prestazioni sanitarie. Ci sono poi il Lazio (5,3 milioni di abitanti), il Piemonte (4,3) e l'Emilia Romagna (4,2) che offrono il medesimo servizio ai propri abitanti e che rappresentano rispettivamente il 9.03, il 7,39 e il 7,13% della popolazione totale. Sommando ad esse il numero di abitanti delle altre cinque regioni dell'elenco (Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Molise e Valle d'Aosta), nonché delle due province autonome (Trento e Bolzano), si raggiungono i 28,1 milioni di cittadini (il 47,2% della popolazione italiana) che potenzialmente possono accedere alle predette informazioni.

La restante parte della popolazione italiana (il 16% circa) che può ottenere informazioni sui tempi di attesa per le prestazioni sanitarie, lo può fare appoggiandosi ai siti web di Asl o Ao che offrono questo servizio. È il caso di Veneto (7 siti web di Asl che indicano i tempi di attesa e 1 di Ao) Marche (7 di Asl), Campania (4 siti di Asl e 2 di Ao), Umbria (3 di Asl e 1 di Ao), Toscana (4 di Asl), Sicilia (1 di Asl e 3 di Ao), Sardegna (2 di Asl e 1 di Ao), Abruzzo (2 di Asl), Puglia (1 di Asl e 1 di Ao) e Calabria (1 di Asl). In questo caso va da sé che la copertura del servizio è più disomogenea sulla popolazione.

vota