Consulenza o Preventivo Gratuito

Colf, estratto conto online

del 09/11/2011
di: di Daniele Cirioli
Colf, estratto conto online
I cittadini che hanno assunto colf o badanti possono consultare su internet (www.inps.it) l'estratto conto contributivo relativi ai rapporti di lavoro domestici e segnalare anche eventuali correzioni (ad esempio, un periodo contributivo pagato che invece risulta ancora scoperto). La disponibilità del nuovo servizio, che tuttavia non ha valore certificativo, è resa nota dall'Inps nel messaggio n. 21009/2011.

Il servizio è disponibile nella sezione servizi online sul sito internet dell'Inps; una volta effettuato l'accesso, mette a disposizione l'elenco dei rapporti di lavoro ancora attivi e anche cessati relativi agli ultimi cinque anni, dai quali il datore di lavoro può selezionare il rapporto di lavoro per il quale intende visualizzare l'estratto conto. Scelto il rapporto, con il comando «consulta estratto conto» viene visualizzato l'estratto conto che, tra l'altro, riporta i dati identificativi del lavoratore e le informazioni relative ai pagamenti effettuati, ordinati per anno e trimestre; selezionando l'icona «dettaglio» è possibile visualizzare il dettaglio delle settimane lavorate nel trimestre raggruppate per mese. Un apposito avviso informa che l'estratto contributivo è privo di valore certificativo, poiché si limita a elencare i pagamenti contributivi registrati negli archivi Inps e perché resta soggetto a modifiche per effetto di eventuali verifiche e accertamenti.

In caso di irregolarità, è possibile inviare una segnalazione all'Inps. A tal fine occorre selezionare la specifica icona relativa alla voce «segnalazione» (appunto) dove c'è possibilità d'inserire il testo di una comunicazione relativa al trimestre indicato. In particolare, si può inserire una segnalazione un periodo contributivo mancante (dati assenti nella riga del trimestre visualizzato) o dati relativi a pagamenti non corrispondenti a quelli in possesso del datore di lavoro. In caso di periodo contributivo mancante è possibile inserire il motivo di sospensione dell'obbligo contributivo (per esempio maternità, permesso non retribuito, periodo di malattia superiore a quello riconosciuto nei ccnl come retribuito) o i dati identificativi del versamento: data, importo, modalità (bollettino c/c, Mav, on line/carta di credito, reti amiche). Per confermare e inviare la segnalazione scritta alla sede Inps di competenza occorre selezionare il comando «continua», tramite il quale la segnalazione sarà presa in carico dal sistema Fa.Se. (fascicolo elettronico delle segnalazioni contributive). Per ognuna delle segnalazioni prese in carico dal sistema sono resi noti al datore di lavoro il protocollo e il codice segnalazione assegnati; la segnalazione verrà inoltre registrata dal sistema per essere poi disponibile come promemoria per il datore di lavoro a ogni visualizzazione di dettaglio del periodo d'interesse. Su ogni pagina visualizzata dal datore di lavoro è disponibile inoltre il comando «aiuto» tramite il quale viene visualizzato il testo dell'help online del servizio.

Il servizio è a esclusivo uso del cittadino che si autentica tramite «passi», ma entro il mese di novembre sarà reso disponibile agli intermediari incaricati dal datore di lavoro. In caso di un datore di lavoro con credenziali di accesso, ma senza rapporti di lavoro negli ultimi cinque anni, il sistema visualizzerà apposito messaggio.

vota