Consulenza o Preventivo Gratuito

Sindaci, tariffe calmierate

del 22/10/2011
di: di Christina Feriozzi e Luciano De Angelis
Sindaci, tariffe calmierate
Organo di controllo interno delle Fondazioni con analoghi compiti, requisiti e responsabilità del collegio sindacale delle società di capitali ma con applicazione «calmierata» delle tariffe professionali. Lo evidenzia il documento del tavolo tecnico paritetico Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio Spa (Acri)-Cndcec, sul tema: «Il controllo indipendente nelle fondazioni di origine bancaria», diffuso il 20 ottobre.

Le linee guida per l'organo di controllo delle Fob. In considerazione della carenza di disposizioni legislative di dettaglio riguardo la composizione, il funzionamento e l'attività degli organi di controllo delle Fondazioni di origine bancaria (Fob), l'Acri e il Cndcec hanno predisposto le linee guida comuni (best practice) per supportare la funzione di controllo in tali enti, la cui regolamentazione sarebbe altrimenti rimessa all'autonomia statutaria di ognuno di essi e ai soli riferimenti di base contenuti nel dlgs 153/99. Analogamente al collegio sindacale regolato dal codice civile, l'organo di controllo interno, secondo la disciplina statutaria, ha il compito di svolgere un'azione di vigilanza indipendente, professionale, continuativa e concomitante alla gestione. Nel delineare i principi idonei al corretto svolgimento di tali funzioni, gli estensori del documento, pur evidenziando le specifiche peculiarità delle Fob, si rifanno alle indicazioni del testo «Controllo indipendente degli enti non profit» ed ai contenuti delle «Norme di comportamento del collegio sindacale», emanate di recente dallo stesso Cndcec, in particolare per quanto riguarda i requisiti dell'organo e dei suoi componenti, la pianificazione dell'attività di controllo, basata sull'analisi del rischio, con riunioni cadenzate ogni 90 giorni, attribuzioni esercitate collegialmente, numero componenti dell'organo dispari, risultanze verbalizzate nell'apposito libro, svolgimento dell'attività di vigilanza, ecc.

Requisiti di indipendenza e professionalità. L'attività di controllo nelle Fob, si rileva nel documento, è diretta alla tutela degli interessi della collettività e del territorio di elezione, in quanto persone giuridiche private senza fine di lucro che perseguono scopi di utilità sociale e sviluppo economico. Tale attività, tuttavia deve essere svolta secondo canoni di indipendenza, autonomia e professionalità, analogamente a quelli già delineati dalle citate norme di comportamento del collegio sindacale (norma 1.4). In proposito, i criteri base cui fare riferimento sono:

- Indipendenza, ossia adozione di un corretto comportamento professionale basato unicamente sugli elementi rilevanti per l'esercizio della funzione, escludendo ogni fattore ad esso estraneo e l'assenza di ogni condizionamento associato a situazioni o circostanze in grado di compromettere lo svolgimento dell'incarico in modo libero e obiettivo;

- Autonomia, intesa come assenza di condizionamenti e subalternità atte a determinare remore o comportamenti privi della necessaria libertà di giudizio;

- Professionalità, come presenza di requisiti corrispondenti alle funzioni assegnate, affinché possano essere esercitate in modo critico, preparato e adeguatamente autorevole.

Sul punto tuttavia, il documento, pur rilevando che l'indipendenza dell'organo di controllo interno è assicurata anche dalla presenza di un compenso adeguato alle funzioni assegnate, alla complessità organizzativa e alla natura non lucrativa della Fondazione, osserva altresì che l'applicazione delle tariffe professionali, che fanno riferimento alla dimensione del patrimonio, porterebbe alla determinazione di un livello di compensi estremamente gravoso in relazione alla natura non profit e alla limitata complessità del controllo nella fondazione rispetto a quella delle società di capitali di pari patrimonio. Pertanto si richiama ad un utilizzo consapevole delle disposizioni derogatorie della tariffa per la definizione di un ragionevole compenso.

vota