Consulenza o Preventivo Gratuito

Malattia, ricaduta nel certificato

del 15/10/2011
di: di Carla De Lellis
Malattia, ricaduta nel certificato
I medici devono precisare nel certificato se la malattia si riferisce a un precedente evento morboso, per evitare al lavoratore la trattenuta Inps relativa ai tre giorni di carenza. Lo spiega, tra l'altro, il messaggio n. 19405/2011 dell'istituto previdenziale.

La precisazione fa seguito ad apposite richieste di chiarimento, da parte degli uffici Inps, in merito alla nuova procedura che dal 14 settembre ha praticamente equiparato la disciplina sulla malattia dei lavoratori pubblici e privati. Nel dettaglio l'Inps spiega che, qualora l'evento morboso si configuri quale «continuazione» dello stato patologico in corso, il medico curante deve farne menzione negli appositi campi previsti nel certificato e nell'attestazione di malattia; e che inoltre stessa annotazione deve essere riportata anche nel caso di ricaduta, ipotesi ricorrente quando il lavoratore, rientrato in servizio dopo un periodo di assenza per malattia, è costretto ad assentarsi nuovamente a causa di uno stato patologico riconducibile al precedente evento morboso «nell'arco temporale di 30 giorni dalla ripresa dell'attività lavorativa». Tale annotazione servirà a configurare la seconda assenza per malattia non un nuovo evento morboso ma una prosecuzione del primo con la conseguenza che, agli effetti della liquidazione delle prestazioni economiche, l'Inps non effettuerà la trattenuta dei giorni di carenza (i primi tre), e potrà effettuare correttamente il calcolo dell'elevazione della misura dell'indennità in base ai limiti temporali previsti dalla normativa.

Infine, il messaggio mette in guardia gli uffici sulle visite fiscali, chiedendo di riscontrare gli esiti delle richieste inoltrate alle Asl. Ciò perché, in base a quanto riferisce l'Inps, le Asl richiedono il pagamento del compenso anche nei casi in cui non riescano a fare le visite nello stesso giorno in cui sono richieste, ma le effettuino in giornate successive (vanificando, però, gli effetti del controllo).

vota