Consulenza o Preventivo Gratuito

Conciliazione, verso l'assistenza tecnica

del 30/08/2011
di: di Mario Valdo
Conciliazione, verso l'assistenza tecnica
Il ministro della giustizia apre all'assistenza tecnica legale obbligatoria nei procedimenti di conciliazione. Secondo quanto comunicato dal Consiglio nazionale forense, infatti, che ha incontrato ieri il nuovo guardasigilli, Francesco Nitto Palma, «ove la Corte costituzionale non abrogasse il testo della conciliazione obbligatoria, il ministro ha manifestato favore alla proposta a suo tempo esaminata in ordine alla necessaria difesa tecnica per far sì che di fronte a ogni conciliatore le parti possano operare in piena consapevolezza e libertà di azione». Altri temi dell'incontro sono stati i diversi aspetti della manovra finanziaria che riguardano le professioni, nonché i progetti di riforma della giustizia, l'iter della riforma della professione forense e «le modalità con cui l'avvocatura può cooperare alla soluzione dei problemi più urgenti, al fine di ridurre i costi senza sacrificare la giustizia di prossimità». «L'avvocatura non rivendica posizioni corporative, ma vuol testimoniare il suo fattivo contributo alla soluzione dei problemi del paese in questa drammatica congiuntura», ha sottolineato il presidente del Cnf, Guido Alpa, «In questi frangenti si debbono salvaguardare soprattutto i diritti dei deboli e in ogni caso i diritti dei cittadini che si affidano agli avvocati per accedere alla giustizia in ogni suo stato e grado, inclusi i procedimenti di conciliazione».
vota