Consulenza o Preventivo Gratuito

Detassazione fantasma fiscale

del 22/07/2011
di: di Giuseppe Caruso
Detassazione fantasma fiscale
Detassazione della produttività, un fantasma fiscale. La proroga al 22 agosto 2011 dell'invio telematico della dichiarazione Mod. 770/2011 Semplificato e quello della dichiarazione Mod. 770/2011 Ordinario, come comunicato l'Agenzia delle entrate dalle pagine del proprio sito www.agenziaentrate.gov.it, non riguarda almeno ufficialmente l'imposta sostitutiva dei premi di produttività aziendale ex art.53 del dl n.78 del 31 maggio 2010. Lo scadenzario dell'amministrazione finanziaria riporta a chiare lettere l'adempimento dei sostituti d'imposta sotto la nuova data. Quindi risulta confermata la possibilità dei sostituti d'imposta di fruire dello slittamento dei termini disposto con dpcm del 12 maggio 2011, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 maggio 2011. Il provvedimento infatti al fine di permettere ai contribuenti di fruire di maggior tempo per effettuare le incombenze di agosto, evitando gli eventuali disagi legati al periodo estivo, ha introdotto la facoltà per le scadenze e i versamenti compresi tra il 1° agosto 2011 e il 20 agosto 2011 di essere tutti spostati a quest'ultima data e, quindi, automaticamente a lunedì 22 agosto 2011 (il 20 agosto cade di sabato). Lo spostamento dei termini non comporta a carico dei contribuenti alcun pagamento, onere od maggiorazione aggiuntiva dei versamenti delle imposte. Nessun riscontro invece nello scadenzario dell'amministrazione finanziaria in merito al termine, introdotto dalla circolare congiunta Agenzia delle entrate - Ministero del lavoro n. 19 del 10 maggio 2011 sull'Imposta sostitutiva dei premi di produttività aziendale ex art.53 del dl n. 78 del 31 maggio 2010, convertito in legge 30 luglio n. 122 e comma 47 dell'art. 1 della legge 13 dicembre 2010 n. 220, per la regolarizzazione da parte di quei sostituti d'imposta che nei primi mesi dell'anno, in considerazione della novità della materia, abbiano erroneamente applicato la detassazione alle voci variabili della retribuzione correlate ad incrementi di produttività in assenza di accordi territoriali e aziendali di secondo livello. Come noto il termine fissato dalla citata circolare per l'effettuazione del versamento, con la disapplicazione delle sanzioni, della differenza tra l'importo dell'imposta sostitutiva sui premi di produttività già versato e l'importo effettivamente dovuto in applicazione delle imposte ordinarie sui redditi di lavoro dipendente nonché dei relativi interessi è il 1° agosto 2011. Detto termine però non è rubricato ne sotto il 1° di agosto ne tantomeno sotto il 22 agosto 2011 nello scadenzario fiscale sul sito dell'Agenzia delle entrate. Seguendo i principi di carattere generale i sostituti sarebbero indotti a fruire del disposto del dpcm 12 maggio 2011 e quindi ad effettuare il versamento entro il 22 agosto 2011. Del resto l'agevolazione disposta dall'Amministrazione finanziaria era stata introdotta in ossequio allo Statuto del contribuente (art. 10, comma 3 della legge 212 del 2000) proprio per le obiettive condizioni di incertezza sull'ambito di applicazione della detassazione delle somme in oggetto, nei mesi di gennaio e febbraio 2011. Infatti molti sostituti d'imposta seguendo il comportamento adottato negli anni passati avevano applicato la detassazione sulle voci variabili della retribuzione anche in assenza di accordi o contratti aziendali di secondo livello. Risulterebbe coerente non penalizzare ulteriormente i sostituti d'imposta, che dovranno porre in essere i diversi adempimenti amministrativo contabili per adeguarsi al dettato ministeriale, consentendo agli stessi di rientrare nella regola di carattere generale di slittamento dei termini nel periodo estivo tanto più che nessuna norma ha istituito il termine del 1 agosto 2011. Ma forse proprio quest'ultima considerazione potrebbe giocare a sfavore, qualora l'amministrazione volesse negare lo slittamento del termine non codificato in legge e concesso dalla stessa quale atto di attenzione nei confronti di soggetti chiamati a gestire una situazione giuridica piuttosto incerta nei primi mesi dell'anno.

vota