Consulenza o Preventivo Gratuito

Rimborsi trasformabili in crediti di imposta

del 15/06/2011
di: di Andrea Bongi
Rimborsi trasformabili in crediti di imposta
Unico 2011, i crediti chiesti a rimborso si possono trasformare in crediti compensabili entro e non oltre il 28 gennaio 2012. È infatti entro i 120 giorni successivi alla scadenza del termine ordinario di presentazione della dichiarazione che il contribuente potrà emendare la stessa trasformando gli importi originariamente richiesti a rimborso in crediti d'imposta utilizzabili in compensazione. Tutto ciò a condizione che il rimborso richiesto non sia stato nel frattempo già erogato in tutto o in parte.

Anche se il soggetto che ha sottoscritto la relazione di revisione al bilancio non è più in carica al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi dovrà comunque apporre la propria firma sul modello redatto dalla società.

Sono queste, fra le altre, le più recenti novità in materia di dichiarazione dei redditi e Irap delle società di capitali, trattate nella circolare n. 15 diffusa nel pomeriggio di ieri da Assonime.

La circolare in argomento contiene infatti le principali novità normative e interpretative rilevanti ai fini della predisposizione delle dichiarazioni dei redditi e dell'imposta regionale sulle attività produttive delle società di capitali e degli enti commerciali. Nel corposo documento predisposto dall'area imposizione diretta dell'associazione, vengono infatti trattate le modalità ed i termini di presentazione della dichiarazione Unico 2011-Sc ed Irap 2011 e le novità normative e interpretative relative alla valutazione dei titoli del circolante, alla conversione delle imposte anticipate e alla presunzione di distribuzione degli utili di cui all'articolo 1, comma 2, del dm 2 aprile 2008. Un paragrafo a parte è dedicato ai regimi agevolativi applicabili al periodo d'imposta 2010 fra i quali si ricordano la c.d. Tremonti-ter, il bonus capitalizzazioni, i crediti d'imposta per la ricerca e lo sviluppo, la c.d. Tremonti tessile, e infine, le agevolazioni fiscali alle reti d'impresa.

Tornando alla emendabilità della dichiarazione dei redditi e alla possibilità di mutare il rimborso d'imposta in credito compensabile, novità introdotta recentemente dal dl n. 70/2011, la circolare assonime ricorda come, tenuto conto che nella generalità dei casi il termine di presentazione delle dichiarazioni 2011 scadrà il 30 settembre prossimo, tale facoltà dovrà essere esercitata entro il 28/01/2012. Decorso tale termine infatti non sarà più possibile mutare l'originaria richiesta di rimborso in credito utilizzabile in compensazione.

Per quanto attiene invece alla sottoscrizione delle dichiarazioni da parte degli organi di controllo, assonime sottolinea l'importante presa di posizione delle Entrate che con la recente risoluzione n. 62/e hanno posto fine a un dubbio interpretativo oggetto spesso di vivaci dibattiti.

Nel caso di rotazione degli organi di controllo e di discontinuità fra i soggetti che hanno sottoscritto la relazione di revisione rispetto a quelli in carica al momento della presentazione del modello Unico ci si chiedeva infatti quale dei due organi dovesse procedere alla sottoscrizione del modello dichiarativo. La soluzione adottata dalle Entrate chiarisce, definitivamente, che tale obbligo incombe sul soggetto che ha sottoscritto la relazione di revisione riferita a un determinato anno di imposta il quale, anche se nel frattempo cessato dall'incarico, dovrà sottoscrivere si la dichiarazione dei redditi sia la dichiarazione Irap relative a tale periodo d'imposta.

vota