Consulenza o Preventivo Gratuito

Compilazione quadro AC, ecco le istruzioni dell'Ancl

del 06/05/2011
di: Celeste Vivenzi, Centro Studi Ancl-Su
Compilazione quadro AC, ecco le istruzioni dell'Ancl
I consulenti del lavoro, tramite il Centro Studi dell'Ancl, propongono un provvedimento chiarificatore all'Agenzia delle entrate in merito alla nuova ritenuta del 10%

Premessa generale

Attraverso questo quadro contenuto nella dichiarazione Unificata occorre comunicare l'ammontare degli acquisti di beni e servizi effettuati dal condominio e i dati identificativi dei fornitori.

Il soggetto che deve effettuare la comunicazione è l'amministratore del condominio in carica al 31 dicembre 2010.

L'obbligo sussiste anche nel caso di condominio con non più di quattro condomini se sussiste in carica l'amministratore.

Non devono essere comunicati:

*le forniture di gas, acqua e luce ;

*acquisti di beni e servizi di importo inferiore a 258,23 euro al lordo di Iva;

*acquisti e servizi soggetti al pagamento della ritenuta d'acconto in quanto trattasi di dati già comunicati all'Agenzia delle entrate tramite il modello 770 (esempio fatture con ritenuta al 4%).

Si ricorda che anche i condomini con non più di quattro condomini (ove non vi sia in carica un amministratore) devono applicare le ritenute d'acconto che dovranno essere versate da uno a scelta dei condomini all'Erario (attraverso F24 con codice fiscale del condominio). Lo stesso condomino dovrà farsi poi carico della presentazione del relativo modello 770.

Novità

Dal 1° luglio 2010 i bonifici relativi a fatture con il beneficio del 36 e del 55% sono soggetti a una specifica ritenuta d'acconto del 10% effettuata dalla banca. Le istruzioni al quadro AC, dalla lettura letterale, sembrano non escludere l'indicazione nel quadro AC di queste operazioni in quanto le ritenute sono effettuate dalla banca e non dallo stesso condominio (come nel caso di specie delle ritenute del 4% sopraccitate). In sostanza quindi parrebbe obbligatorio l'indicazione di tali operazioni nel quadro AC in quanto il soggetto che opera la ritenuta non coincide con la figura del condominio.

Tuttavia è fuori dubbio che la banca dovrà provvedere a indicare nel proprio modello 770 le ritenute del 10% operate e quindi, onde evitare una doppia comunicazione all'Agenzia delle entrate, potrebbe rendersi utile un pronunciamento da parte dell'Amministrazione finanziaria avente il duplice scopo di definire il comportamento da tenere da parte dei contribuenti e, nello stesso tempo, semplificare la compilazione del quadro AC in vista della prossima dichiarazione modello UNICO 2011.

vota