Consulenza o Preventivo Gratuito

Apprendisti in ferie

del 27/04/2011
di: di Daniele Cirioli
Apprendisti in ferie
Le ferie non comportano prolungamenti del contratto di apprendistato. Infatti, sono periodi di sosta dal lavoro preventivamente considerati nella durata concordata per lo svolgimento del rapporto di formazione e lavoro (sospensione fisiologia del rapporto). Lo precisa, tra l'altro, la fondazione studi dei consulenti del lavoro nel parere n. 9/2011.

La fondazione risponde a un quesito sulle conseguenze prodotte sul rapporto di apprendistato dalle sospensioni del lavoro. In via di principio, spiega il parere, in caso di assenze prolungate del lavoratore, l'apprendistato va prorogato per consentire l'effettivo completamento del percorso di apprendimento e qualificazione (cassazione n. 20357/2010). I casi più frequenti di sospensione sono la malattia, il servizio militare, la sospensione consensuale, la maternità o il congedo parentale, e le ferie. In caso di malattia, la giurisprudenza ritiene che, in virtù del principio dell'effettività della formazione, non possono essere considerati per il completamento della durata di apprendistato, i periodi consistenti di inattività. Pertanto, il datore di lavoro, è tenuto a valutare l'incidenza della sospensione sul rapporto di apprendistato, tenendo in considerazione le cause della sospensione e la durata della stessa. Con riferimento al servizio di leva, il parere spiega che è pacifico il principio per cui nella determinazione della durata massima dell'apprendistato non può tenersi conto del periodo corrispondente al tempo trascorso durante tale servizio. Medesima conseguenza (cioè il differimento della scadenza dell'apprendistato) si ha anche nell'ipotesi di una sospensione consensuale per esigenze aziendali. Anche le assenze per maternità oppure per congedo parentale sono rilevanti ai fini della proroga dell'apprendistato, e il termine del rapporto subisce uno slittamento di durata pari a quella della sospensione in questione. Peraltro, anche l'Inps (messaggio n. 6827/2010) ha ribadito che i periodi di astensione obbligatoria e facoltativa dal lavoro non si computano ai fini della durata del rapporto di apprendistato. Infine, trattamento diverso va riservato alle cosiddette sospensioni fisiologiche del rapporto, come le ferie annuali. Queste sono in qualche modo preventivamente considerate nel periodo di tempo concordato per l'apprendistato e, pertanto, non comportano un prolungamento dello stesso.

Infine, la Fondazione ricorda che la cassazione ha affermato che se il datore di lavoro, a causa di assenze del lavoratore, ritiene di detrarre il relativo periodo dalla durata del contratto di apprendistato, spostando la scadenza convenuta ad altra data, «ha l'obbligo di comunicare al lavoratore, prima della scadenza, lo spostamento del termine finale, spiegando le ragioni e indicando la nuova scadenza o il periodo che deve essere detratto». L'impresa non può, pertanto, limitarsi a lasciare decorrere il termine concordato inizialmente, comunicando a posteriori la decisione di non tener conto di uno specifico periodo.

vota