Consulenza o Preventivo Gratuito

Traforo Brennero Partono i lavori

del 19/04/2011
di: di Espedito Ausilio
Traforo Brennero Partono i lavori
Via libera ai lavori per la galleria di base del Brennero, un traforo ferroviario a pendenza ridotta con due tunnel paralleli, che collegherà Innsbruck (Austria) a Fortezza (Italia). Il traforo avrà una lunghezza di 55 chilometri. E permetterà di ridurre una delle principali strozzature per il transito passeggeri e merci tra Austria e Italia. La decisione dei due paesi di avviare i lavori fa seguito all'accordo tra Italia e Austria sui costi totali e sul finanziamento del progetto. Il costo totale concordato per la galleria di base del Brennero, compresi gli accantonamenti per rischi, è pari a otto miliardi di euro, inclusi i 786 milioni di euro stanziati dall'Unione europea a valere sul bilancio TEN-T nell'ambito delle prospettive finanziarie 2007/13. Complessivamente, Bruxelles ha stanziato un miliardo di euro «al progetto prioritario 1» l'asse ferroviario ad alta velocità Berlino-Palermo. Di questo finanziamento fanno parte anche le sovvenzioni al sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS). E la galleria del Brennero costituisce il fulcro del progetto prioritario 1, che rientra nella rete transeuropea di trasporto (TEN-T). La galleria, una volta collegata a sud di Innsbruck con uno svincolo sotterraneo esistente, darà vita al tunnel ferroviario più lungo al mondo (64 km).

Un percorso già avviato. I lavori di scavo nei tunnel di esplorazione e accesso sono iniziati nel 2008 e procedono bene. Con la decisione assunta ieri da Austria e Italia, possono iniziare anche i lavori per la galleria principale, che partirà a nord di Innsbruck e arriverà a Fortezza sud. Dal 2016 sarà poi scavata la parte centrale della galleria tra Ahrental e Trens. Il progetto dovrebbe essere completato entro la fine del 2025.

La benedizione dell'Europa. Ieri, al debutto dei lavori a Innsbruck, hanno presenziato vicepresidente della commissione Ue, responsabile per i trasporti, Siim Kallas, e il coordinatore europeo del progetto prioritario 1 (nonché ex presidente del Parlamento europeo), Pat Cox. Per Kallas la decisione di avviare i lavori «segna un importante passo in avanti. In questi tempi economicamente difficili è più importante che mai investire in una politica sostenibile per i trasporti europei». Per Cox, la decisione «testimonia i progressi messi a segno da Austria e Italia negli ultimi mesi per il corridoio del Brennero».

vota