Consulenza o Preventivo Gratuito

Previdenza, in ordine i conti della Cassa del notariato

del 12/04/2011
di: Antonio G. Paladino
Previdenza, in ordine i conti della Cassa del notariato
Tutti positivi i risultati, economici e patrimoniali, della gestione 2009 della Cassa nazionale del notariato. In particolare, l'avanzo economico ha raggiunto l'ammontare di 25 milioni, con un incremento di oltre 5 milioni rispetto a quello conseguito nell'esercizio 2008. Con riferimento alla gestione caratteristica, il rapporto tra iscritti e pensionati si è attestato su un valore pari a 4,3, confermando il trend di lieve diminuzione che si è registrato nell'ultimo quinquennio.

Queste alcune delle considerazioni che è possibile ricavare dalla lettura della deliberazione n.18/2001, con cui la sezione centrale di controllo degli enti della Corte dei conti, ha relazionato sulla gestione 2009 dell'ente di previdenza ed assistenza dei notai.

Il risultato positivo della gestione 2009, in termini di avanzo economico, scrive la Corte, è stato ottenuto riducendo i costi di oltre 26 milioni. Tuttavia, questo decremento viene «quasi riassorbito dal notevole peggioramento del risultato della gestione corrente» (-20 milioni), a causa della diminuzione delle entrate contributive (-10,9 milioni) e dell'aumento delle spese istituzionali (+9,1 milioni). È comunque positivo il beneficio ottenuto sui conti, dovuto all'aggiornamento dell'aliquota contributiva, che è passata dal 28 al 30% a far data dall'1.7.2009.

La Corte ha anche verificato che l'indice di copertura delle prestazioni, nel 2009, ha raggiunto il valore di 1,06 (era 1,18 nel 2008). Questo, si legge, a causa della «forte contrazione delle entrate contributive dovuta alla flessione dell'attività notarile e al rallentamento dell'economia».

In netta ripresa la redditività del patrimonio mobiliare. Se il 2008 aveva segnato un segno rosso a causa della turbolenza dei mercati, nel 2009 l'asticella si impenna verso l'alto (da -1,6 a +3,17%). I crediti immobiliari, poi, dopo la riduzione conseguita nel 2008, tornano nuovamente a crescere, registrando un incremento di 1,4 milioni in valore assoluto, grazie all'intensa attività di recupero crediti e di controllo della morosità esercitata dalla Cassa.

vota