Consulenza o Preventivo Gratuito

Conciliazione, si parte

del 22/02/2011
di: La Redazione
Conciliazione, si parte
Parte il conto alla rovescia per la conciliazione e la nuova certificazione dei contratti di lavoro presso i consulenti del lavoro. Il ministro del lavoro Maurizio Sacconi e il presidente del Consiglio nazionale dei Consulenti del lavoro Marina Calderone hanno firmato le Intese previste dalla legge 183/2010. Intese che regolano la certificazione dei contratti e la conciliazione delle liti in materia di lavoro presso i Consigli provinciali dell'Ordine. Tra i contenuti dell'accordo sottoscritto vi è l'onere per il Consiglio nazionale dei Consulenti del lavoro di approvare, entro sessanta giorni, il regolamento per il funzionamento delle Commissioni di certificazione che costituirà la fonte normativa necessaria per rendere operativo il nuovo ruolo in materia di conciliazione. Il Regolamento – ha anticipato il segretario del Consiglio nazionale Vincenzo Silvestri – fisserà i principi sulla base dei quali verranno costituite le Commissioni e definirà le procedure di certificazione per giungere all'obiettivo principale di garantire uniformità su tutto il territorio nazionale e L'intesa. È infatti previsto che ogni tre mesi le Commissioni provinciali di Certificazione comunichino l'attività svolta al Consiglio nazionale che, a sua volta, avrà un interscambio col ministero del lavoro ogni sei mesi. Ciò consentirà un continuo monitoraggio dell'attività certificatoria».

Le Commissioni sono nominate dai Consigli provinciali dell'Ordine e per i componenti è previsto un obbligo di formazione obbligatoria specifica, per il tramite della Fondazione Studi del Consiglio nazionale. «Che organizzerà iniziative formative sia frontali che con il metodo a distanza», ha sottolineato il presidente dell Fondazione Studi Rosario De Luca. Numerosi gli spunti emersi durante la teleconferenza su «Certificazione e conciliazione», che ha visto collegati via satellite quasi cento Consigli provinciali, consentendo a circa 10 mila consulenti e non solo, di assistere agli interventi degli esperti della Fondazione Studi. Durante i lavori, è stato infatti chiarito che le Commissioni di certificazione, in attesa del regolamento, potranno continuare a certificare i contratti anche se limitatamente alle previsioni della legge Biagi prima delle modifiche del Collegato Lavoro.

Le nuove attribuzioni sulla certificazione, così come quelle sulla conciliazione, potranno dunque andare a regime solo dopo l'approvazione del regolamento da parte del Consiglio nazionale la cui entrata in vigore farà decadere gli strumenti regolamentarii attualmente vigenti. «Come categoria assumiamo la nuova responsabilità e formeremo tutti i nostri componenti perché crediamo nell'importanza della funzione che è stata assegnata all'istituzione consulenti del lavoro», ha commentato la presidente Marina Calderone.

vota