Consulenza o Preventivo Gratuito

Revisione, debutta il Centro studi

del 11/02/2011
di: La Redazione
Revisione, debutta il Centro studi
Si insedia oggi a Roma, presso l'università telematica Nicolò Cusano, il Centro studi dell'Istituto nazionale revisori legali: è una delle prime volte che un organismo di ricerca e analisi di una rappresentanza del mondo professionale si avvale della diretta collaborazione di un'importante realtà accademica nazionale.

Il coordinamento del Centro studi, che valuterà due aree di intervento, una operativa e l'altra di natura giurisprudenziale legislativa, è stato affidato, congiuntamente al presidente dell'Inrl, a Giovanni Puoti, rettore dell'università telematica Nicolò Cusano tra i noti esperti di diritto tributario e consulente scientifico dell'Inrl.

Stabilite le tematiche il Centro studi Inrl provvederà a convocare a Milano, Roma e Napoli, sedi delle tre macro-aree di competenza, tutti i revisori che hanno già espresso la loro volontà di partecipare all'attività del Centro studi.

«Tra i primi compiti che verranno assolti dal Centro studi», spiega il presidente dell'Inrl Virgilio Baresi, «ci sarà la dettagliata analisi del dlgs 39/2010 sulla revisione legale e successivamente, non appena verranno emanati, una puntale interpretazione dei decreti attuativi della nuova normativa in materia. Intendiamo così dare un contributo tangibile alla corretta lettura dell'innovativo testo legislativo che regolamenterà la revisione legale, in linea con i dettami dell'Unione europea, con disamina delle aree di applicazione del dlgs che, introducendo il basilare principio di terzietà, riconosca finalmente al revisore legale il ruolo-chiave nel controllo contabile sia pubblico che privato».

Nel corso della riunione d'insediamento del Centro studi verranno ufficializzati i coordinamenti territoriali previsti: per il nord al segretario nazionale Gianluigi Bertolli, per il Centro Italia al vicepresidente Roberto Carnessale e al vicesegretario nazionale Stefano Mandolesi e per il Sud e isole al vicesegretario Ubaldo Procaccini e al delegato Carmine Ferrara.

«La ripartizione geografica del Centro Studi», aggiunge il presidente dell'Inrl, «è stata voluta proprio per analizzare le possibili diversità delle problematiche sul territorio, inerenti l'attività professionale di revisione, per poi convogliarle e rendere possibile una omogeneità nel sistema interpretativo applicativo rispetto alla scadenze dei bilanci di competenza».

Fervono intanto i preparativi per il convegno di studio su «La difesa del cittadino dai soprusi della mala amministrazione», organizzato dall'Inrl con la sponsorizzazione della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno che si terrà a Pisa venerdì 25 febbraio prossimo. A moderare l'importante evento sarà il segretario nazionale Inrl Gianluigi Bertolli.

Prevista la partecipazione di personalita istituzionali e accademiche come il presidente della provincia di Pisa, Andrea Pieroni, il direttore generale Cassa di risparmio di Lucca Pisa Livorno Francesco Minotti, Alessandro Giovannini, ordinario di diritto tributario università di Siena, Michela Passalacqua, professore associato di diritto dell'economia, facoltà giurisprudenza, all'università di Pisa, Luigi Marciano, ricercatore di diritto processuale tributario, facoltà giurisprudenza, università di Pisa, Antonio M. Calamia, ordinario di diritto internazionale, facoltà giurisprudenza, università di Pisa, e Attilio Zifaro, autore del volume «Un portolano basilare nel processo tributario» che verrà presentato in questa occasione. La partecipazione al convegno dà diritto a 4 crediti formativi validi ai fini del regolamento di formazione permanente Inrl. Info sul sito dell'Istituto www.revisori.it.

A tal riguardo verrà comunicato a breve l'inizio dei corsi formativi riferiti agli enti locali, sottolineando che proseguono le iscrizioni alla formazione Tv on web collaudata da sette anni con esiti positivi. È opportuno annotarsi che solo per quest'anno non sono stati riconosciuti i crediti acquisiti al di fuori dell'Istituto, e infatti i crediti rilasciati dall'Inrl debbono ritenersi esaustivi degli obblighi del revisore.

vota