Consulenza o Preventivo Gratuito

Al via i corsi per diventare conciliatori

del 10/02/2011
di: La Redazione
Al via i corsi per diventare conciliatori
La Camera di conciliazione che l'Ancot Associazione nazionale consulenti tributari intende istituire sta diventando un'importante e innovativa realtà. Il progetto approvato dal consiglio direttivo dell'Ancot nasce, lo ricordiamo, sulla base delle disposizioni contenute nel decreto ministeriale n. 180 del 18 ottobre 2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 258 del 4 novembre e dalle disposizioni contenute nel Regolamento del Ministero della giustizia, entrato in vigore il cinque novembre, che stabilisce le ultime disposizioni necessarie in tema di conciliazione. Il provvedimento definisce le caratteristiche sia degli enti preposti alla mediazione sia di quelli deputati alla formazione dei mediatori (che dovranno essere iscritti in due elenchi distinti) nonché le tariffe, le procedure e i controlli. Per cercare di attuare in tempi brevi il progetto di costituzione della Camera di conciliazione l'Ancot ha avviato un programma di corsi di formazione specifici con l'obiettivo di formare le figure dei conciliatori. «Ai corsi», ha spiegato il presidente nazionale dell'Ancot Associazione nazionale consulenti tributari, «possono partecipare tutti indipendentemente dal titolo di studio, mentre il titolo di mediatore può essere conseguito al termine del corso, solo da coloro che sono in possesso del titolo di studio minimo di laurea triennale o diploma solo per iscritti in Ordini o Collegi. Il titolo di Revisore, iscritti ai Ruoli c/o le Cciaa, Mediatori creditizi ecc., purtroppo ad oggi, così come già comunicato, non è considerato titolo valido per il raggiungimento della qualifica di mediatore se non si è in possesso di laurea triennale». Il programma dei corsi è stato predisposto dall'Ancot d'intesa con l'Università Unisu. Il primo corso sulla Conciliazione si svolgerà a Roma nei giorni: 11–12 e 13 febbraio su teoria e 25 e 26 febbraio su pratica. «Possono partecipare», ha spiegato il presidente Marinelli, «anche dipendenti e/o collaboratori di studio ed amici colleghi non associati, ma è ovvio che gli associati Ancot avranno la precedenza». Altri corsi sono in fase di organizzazione per i prossimo mesi di marzo e aprile per altre località che potrebbero essere, Torino; Milano, Bologna, San Benedetto del Tronto e Catania in base alle preferenze espresse nei moduli pervenuti dagli interessati. Ogni corso potrà avere un numero massimo di partecipanti di trenta unità.

vota