Consulenza o Preventivo Gratuito

Recupero degli sgravi fino al 16/3

del 09/02/2011
di: di Carla De Lellis
Recupero degli sgravi fino al 16/3
Via libera dall'Enpals al recupero degli sgravi contributivi sui premi di risultato per l'anno 2009. I datori di lavoro possono optare tra il rimborso (presentando apposita istanza) e il recupero per compensazione (F24) con i versamenti contributivi relativi ai mesi di gennaio e febbraio (al massimo entro il prossimo 16 marzo). È quanto si legge nella circolare n. 5/2011.

Lo sgravio in questione è stato introdotto dalla legge n. 247/2007, in via sperimentale per il triennio 2008-2010. Si applica sulla quota di retribuzione costituita dalle erogazioni previste dai contratti collettivi aziendali e territoriali, ovvero di secondo livello, delle quali sono incerti la corresponsione o l'ammontare e la cui struttura sia correlata, dal contratto collettivo medesimo, alla misurazione di incrementi di produttività, qualità e altri elementi di competitività assunti come indicatori dell'andamento economico dell'impresa e dei suoi risultati. Inoltre, lo sgravio trova applicazione entro il limite del 2,25% della retribuzione imponibile annua (relativa all'anno 2009) dei lavoratori, nelle seguenti misure:

  • entro il limite massimo di 25 punti dell'aliquota a carico del datore di lavoro, al netto delle riduzioni contributive per assunzioni agevolate;

  • totale (100%) della quota di contributi previdenziali a carico del lavoratore.

    L'autorizzazione allo sgravio è arrivata, alle imprese interessate, dall'Inps che ha gestito l'intera procedura (messaggio n. 21389/2010). Quelle che sono risultate ammesse possono optare per il rimborso degli importi dei contributi versati, mediante apposita istanza, ovvero effettuare una compensazione, mediante un minor versamento, entro i limiti autorizzati dall'Inps, da effettuarsi su una o più delle mensilità relative a gennaio e febbraio 2011. La compensazione va effettuata sui modelli F24 relativi ai versamenti contributivi delle predette mensilità. All'atto del conguaglio, i datori di lavoro, hanno l'obbligo di restituire al lavoratore la quota di beneficio di propria competenza. Allo scopo di consentire alle imprese di svolgere gli adempimenti, le operazioni di conguaglio/regolarizzazione possono essere effettuate entro e non oltre il prossimo 16 marzo.

  • vota