Consulenza o Preventivo Gratuito

Fari da giorno per i nuovi veicoli

del 08/02/2011
di: da Bruxelles Gianluca Cazzaniga
Fari da giorno per i nuovi veicoli
Tutti i nuovi modelli di auto e di furgoncini che circoleranno sulle strade europee dovranno avere degli appositi fari da giorno che si attivano automaticamente quando si accende il motore. Lo stabilisce una normativa comunitaria che è entrata in vigore ieri. Si tratta della direttiva numero 89 del 2008 che aggiorna, per adeguarla al progresso tecnico, la direttiva 756 del 1976 relativa all'installazione dei dispositivi di illuminazione e di segnalazione luminosa dei veicoli a motore e dei loro rimorchi. Secondo la nuova normativa, a partire da ieri i ventisette stati membri dell'Ue hanno l'obbligo di rifiutare il rilascio dell'omologazione comunitaria o nazionale per i nuovi modelli di automobili e di furgoncini sprovvisti di luci diurne (Daytime running lights o Drl, ndr). Non solo: la direttiva si applicherà anche ai nuovi modelli di camion e di autobus tra 18 mesi, cioè a partire dal 7 agosto 2012. «I fari da giorno costituiranno un grande contributo per la riduzione delle vittime sulle strade europee», ha dichiarato ieri in una nota Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea, nonché responsabile delle politiche industriali all'interno dell'esecutivo guidato da Manuel Barroso. «Questa è una buona notizia anche per la protezione dell'ambiente, dato che il basso tasso di consumo energetico ridurrà le emissioni di CO2 rispetto alle luci normali». Secondo i dati pubblicati dalla Commissione europea, l'anno scorso più di 35 mila persone sono rimaste uccise sulle strade europee. Senza contare che, per ogni persona morta, se ne sono contate quattro che hanno subito disabilità permanenti, dieci che sono state ferite gravemente e 40 che se la sono cavata con ferite leggere. «Secondo ricerche recenti sulle Drl, gli utenti della strada, tra cui i pedoni, i ciclisti e i motociclisti, possono individuare veicoli dotati di Drl prima e più chiaramente di quelli che hanno in dotazione luci normali», ha rilevato l'esecutivo comunitario. I fari da giorno automatici non comportano vantaggi solo in termini di sicurezza stradale, ma anche in termini di protezione dell'ambiente. Essendo una tecnologia sviluppata appositamente per il giorno, i fari Drl sono più efficienti di quelli normali: i primi consumano circa il 25-30% dell'energia consumata dai secondi, stando ai dati resi noti dalla Commissione. Se poi si usano i Led per i fari da giorno automatici, il consumo si riduce al 10%. «Crediamo che sia uno sviluppo positivo, ma ci vorrà del tempo prima di vedere solo auto con le luci diurne», ha spiegato a ItaliaOggi Sigrid de Vries, portavoce dell' Associazione dei costruttori europei di automobili (Acea). «Non si può rinnovare un'intera flotta di vetture da un giorno all'altro». La direttiva europea che è entrata in vigore ieri armonizza le norme nazionali sull'obbligo dei fari da giorno. Norme che fino a ieri variavano notevolmente da paese a paese.
vota