Consulenza o Preventivo Gratuito

Estesi i permessi per l'assistenza a familiari disabili

del 15/12/2010

Estesi i permessi per l'assistenza a familiari disabili

Cambiano la disciplina in tema di assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone handicappate e le disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità. Le modifiche, contenute nel Collegato lavoro in vigore dal 24 novembre scorso, riguardano la definizione dei soggetti legittimati a fruire dei permessi per fornire assistenza al disabile e quella del significato di 'patologia invalidante'.
In particolare secondo la nuova normativa possono utilizzare i permessi per fornire assistenza ad una persona in situazione di Handicap il coniuge, anche se non espressamente menzionato, e i parenti e affini entro il secondo grado, con la sola eccezione dell’estensione fino al terzo grado quando i genitori o il coniuge della persona da assistere abbiano compiuto i 65 anni, siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.
A proposito l’Inps precisa che l’espressione 'mancanti' essere intesa non solo come situazione di assenza naturale e giuridica (celibato o stato di figlio naturale non riconosciuto), ma deve comprendere anche ogni altra condizione ad essa giuridicamente assimilabile, continuativa e debitamente certificata dall’autorità giudiziaria o da altra pubblica autorità, quale: divorzio, separazione legale o abbandono, risultanti da documentazione dell’autorità giudiziaria o di altra pubblica autorità. Sul concetto di 'patologia invalidante' l’Inps indica come possono considerarsi tali: le patologie acute o croniche che determinano temporanea o permanente riduzione o perdita dell'autonomia personale, le patologie acute o croniche che richiedono assistenza continuativa o frequenti monitoraggi clinici, le patologie acute o croniche che richiedono la partecipazione attiva del familiare nel trattamento sanitario.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati