Consulenza o Preventivo Gratuito

Indennizzo per morte dello straniero

del 27/10/2010

Indennizzo per morte dello straniero

Con la sentenza del tribunale di Torino 20 luglio 2010 n. 4932 ha definito l'ammontare risarcitorio per i congiunti di un lavoratore albanese vittima di un infortunio mentre lavorava per una ditta italiana in un cantiere in Spagna, stabilendo che più che di un indennizzo ridotto, sarebbe corretto parlare di risarcimento parametrato all'effettivo apprezzamento del bene da parte dell'indennizzato. Se il risarcimento del danno da morte del congiunto, sia pure effettuata facendo riferimento al sistema tabellare, assume un carattere equitativo, non è corretto liquidare le stesse somme senza considerare il contesto socio-economico dell'ambiente di vita del danneggiato, valutato sulla base del potere di acquisto della moneta. Nell'effettuare questa comparazione il giudice ha fatto riferimento allo strumento offerto dal decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 12 maggio 2003 con il quale sono stati individuati gli indici per il “coefficiente di conversione della parità di potere d'acquisto tra la moneta in uso in Italia e i Paesi europei (pur in area Euro) ed extraeuropei”. Nella sentenza si legge che un risarcimento di uguale valore monetario “creerebbe un ingiustificato arricchimento in capo a coloro che vivano in Stati ad economia depressa con prezzi medi del costo della vita inferiori a quelli dell'Italia o di altri Paesi, come è notoriamente per l'Albania”.

a cura della Redazione

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c