Consulenza o Preventivo Gratuito

Per alcuni tributi si può barattare

del 21/07/2015

Per barattare, come sappiamo, si intende il ricevere un oggetto o un servizio in cambio di un altro di pari valore. Ebbene, il principio più antico alla base dello scambio e dei rapporti commerciali da un po' di tempo è tornato di moda, come dimostrano vari siti dedicati proprio al baratto, come Coseinutili.it o Zerorelativo.it, specializzati nello scambio di oggetti, servizi e tempo tra persone. Ciò che può apparire invece più insolito è la possibilità di barattare i propri debiti verso l'amministrazione pubblica, legalmente possibile.

Secondo una legge in vigore dal 2014, i comuni hanno la facoltà di emettere esenzioni o riduzioni dei tributi in cambio di azioni volte alla riqualifica del territorio comunale. In base a questa norma, alcuni parlamentari hanno proposto che i comuni accettino il pagamento dei tributi sotto forma di lavoro a servizio del comune da parte di quei cittadini che non sono in grado di pagare i tributi richiesti. In pratica, una volta quantificate le tasse da pagare per il singolo contribuente, il comune decide quante ore di lavoro siano necessarie per saldare il proprio debito nei confronti dell'amministrazione pubblica.

Il baratto amministrativo non può però essere applicato indistintamente a tutti i cittadini e a tutti i tipi di imposte. Spetta al comune stabilire per quali tributi è possibile effettuare la richiesta di scambio, quanto far durare il periodo di tempo consecutivo in cui può essere effettuato il lavoro e a quali persone destinare questa possibilità. Una volta stabilite le regole di base, il comune individua gli interventi che possono essere soggetti a questo tipo di compensazione, come ad esempio la manutenzione del verde pubblico o di qualsiasi altra opera utile al comune stesso. Di norma l'accesso prioritario a questa possibilità è affidato alle associazioni o ai cittadini con un ISEE inferiore a una soglia predeterminata. Nonostante possa apparire un progetto difficilmente realizzabile, la correttezza dal punto di vista legale in teoria potrebbe far diffondere questa possibilità in tutto il territorio italiano.

A questo proposito, ecco una curiosità: il modello del baratto amministrativo è già stato applicato con successo nel comune di Invorio, in provincia di Novara. Qui il sindaco ha deciso di far lavorare un cittadino indigente per l'equivalente di 1.200 euro (con paga oraria virtuale di 7,5 euro all'ora). In questo modo il cittadino, un sessantenne disoccupato, potrà risarcire i tributi spettanti al comune: mentre il comune, dal canto suo, potrà recuperare il valore della tassazione non corrisposta, che sarebbe altrimenti andata ad alimentare il conteggio delle imposte evase, anche se derivanti dall'effettiva impossibilità della persona interessata a onorare il pagamento.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Emissione di nuove tessere sanitarie

del 08/09/2010

Nel 2004 entrò in vigore la tessera sanitaria elettronica che andò a sostituire il vecchio codice fi...