Consulenza o Preventivo Gratuito

730 le detrazioni per i famigliari a carico

del 16/03/2015

730 le detrazioni per i famigliari a carico

Si avvicina il periodo caldo delle dichiarazioni dei redditi.  Ora vi parliamo delle detrazioni previste per i familiari a carico.

Familiari a carico: chi sono?

Innanzitutto: “familiari a carico” possono essere considerate tutte le persone che appartengono al nucleo familiare del contribuente, a patto che nell'anno fiscale 2014 abbiano un reddito pari o inferiore ai 2.840,51 euro.

In particolare, sono da intendersi come familiari: i figli, i genitori, i suoceri, i generi, le nuore, fratelli, nonni, il coniuge (anche se legalmente separato) e i nipoti. 

Piccolo dettaglio sui figli. Non ci sono limiti di età per poter usufruire delle detrazioni: un figlio con reddito inferiore alla cifra precedentemente detta è sempre considerato a carico, purché appartenga allo stesso nucleo familiare. Entrambi i genitori possono richiedere la detrazione o uno soltanto; la percentuale è variabile (naturalmente, la somma delle due detrazioni deve essere pari al 100%).

Limiti e modalità con cui richiedere la dichiarazione nel 730

La cifra della detrazione varia a seconda del reddito dichiarato e del grado di parentela con il dichiarante. In dettaglio: 

figli: la detrazione varia da un minimo di 950 a un massimo di 1.420 euro per ogni figlio. A ciò si aggiungano ulteriori 400 euro nel caso si tratti di una persona con disabilità. Inoltre, ulteriori variazioni sono previste in base all'età dei figli: le detrazioni maggiori sono per i bambini con età compresa dagli 0 ai tre anni.

coniuge: per i soli redditi inferiori agli 80.000 euro, la detrazione è compresa tra un minimo di 690 e un massimo di 800 euro. Valida anche per il coniuge legalmente separato.

altri gradi di parentela: per tutti gli altri parenti a carico, la detrazione è di 750 euro per ogni persona.

Il nostro consiglio, se non si decide di avvalersi della consulenza di un professionista o di un CAF e di compilare quindi autonomamente la dichiarazione dei redditi, è di prestare la massima attenzione alla compilazione del riquadro dei familiari a carico. Esso si trova all'inizio della stessa dichiarazione.

Per ogni familiare dovrà essere indicato il grado di parentela e il codice fiscale dell'interessato. Inoltre, va compilata la colonna destinata all’indicazione dei mesi durante i quali il familiare è stato a carico (tipicamente 12, a meno che non si tratti di un nato nel 2014) e la percentuale. Si presti attenzione alla corrispondenza tra quanto dichiarato e le eventuali dichiarazioni di un altro familiare con le stesse persone a carico.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...