Consulenza o Preventivo Gratuito

Nel 2016 forse la tassa unica locale

del 16/12/2014

Scomparsa dal testo della Legge di stabilità 2014, la tassa locale unica, che unisce le due componenti IMU e TASI, fino a oggi facenti parte della IUC, dovrebbe vedere la luce in un decreto apposito.

Entro il 31 dicembre 2014 il Governo dovrebbe, tra i tanti impegni, emanare il testo normativo di riordino delle due discipline. Si profila, comunque, uno slittamento dell’entrata in vigore al 2016, piuttosto che al 2015, a causa delle difficoltà riscontrate nell’ideazione del nuovo canone unico (nuova imposta che riunisce la TOSAP, l’imposta sulla pubblicità e i diritti di affissione) e del passaggio al Comune del gettito derivante dalla quota IMU in precedenza spettante all’erario sui fabbricati di categoria D.

Ciò significa che anche per il 2015 i professionisti e i contribuenti si troveranno a doversi cimentare con le delibere IMU e TASI e dunque, con aliquote diverse e agevolazioni diverse da ente a ente. La TASI nel 2015, tra l’altro, potrebbe raggiungere l’aliquota del 6 per mille senza alcuna detrazione, dato che viene meno la clausola introdotta quest’anno sul tetto IMU+TASI. Nel 2014 la somma IMU+TASI non deve superare il 10,6 per mille, tranne quando il Comune, con delibera pubblicata in tempo, abbia deciso di applicare lo 0,8 per mille aggiuntivo per finanziare sconti sulle abitazioni principali. Se l'IMU sulla seconda casa è già al 10,6 per mille, ad esempio, la Tasi nel 2014 non deve essere versata, mentre se l'IMU è al 10 per mille resta da pagare uno 0,6 per mille a saldo.

Infine, l'1 per mille ai fini TASI è stata applicata in tutti i casi in cui l'IMU non ha superato il 9,6 per mille. Così le abitazioni di lusso (accatastate come A/1, A/8 e A/9) hanno un tetto massimo di riferimento del 6 per mille nella somma di IMU e TASI. Nel caso dei fabbricati rurali strumentali, invece, l'aliquota nel 2014 è sempre all'1 per mille, non essendo dovuta l’IMU.

Ora se il Governo non interverrà nel 2015 proponendo un limite simile, la tassazione potrebbe triplicare. Se nel 2014 il tetto massimo è costato 625 milioni di euro, nel 2015 tali denari saranno difficili da trovare, vista la situazione erariale. Inizialmente si era detto che la nuova imposta, integralmente locale, avrebbe previsto per l'abitazione principale aliquote più basse rispetto a quelle previste per gli altri immobili e detrazioni standard.

Non solo, ma avrebbe previsto l’eliminazione della quota occupante della TASI (10% - 30%). Nel 2015, senza tale imposta, si replicherà il 2014, quindi i calcoli duplici (o forse triplici) delle due imposte.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...