Consulenza o Preventivo Gratuito

Nuove regole dal 2015 per le lettere di intento

del 06/11/2014

Gli esportatori abituali,  ossia i soggetti che nell’anno solare precedente, o negli ultimi 12 mesi, hanno registrato esportazioni, od altre operazioni assimilate, per un ammontare superiore al 10% del volume d’affari conseguito nello stesso periodo, possono acquistare beni o forniture dei servizi in esenzione Iva, a patto che emettano le c.d. lettere di intento.

Tali documenti devono essere predisposti in duplice esemplare, numerate progressivamente per anno solare, annotate entro i 15 giorni successivi a quello di emissione in un apposito registro e consegnate al fornitore prima dell’effettuazione dell’operazione.

I soggetti che, a loro volta, effettuano le cessioni di beni o che forniscono i servizi ai contribuenti che si avvalgono della facoltà di effettuare acquisti senza applicazione dell’imposta sono tenuti a comunicare, all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, i dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento da questi ricevute. L’art. 20 della D.Lgs sulle semplificazioni fiscali, approvato dal Consiglio dei Ministri, riporta un’importante novità nella disciplina delle dichiarazioni d’intento.

Infatti, per le operazioni senza applicazione dell’Iva effettuate a decorrere dal 2015, sarà cura dell’esportatore abituale effettuare la trasmissione telematica delle dichiarazioni all’agenzia delle Entrate, con successiva consegna del modello di invio e ricevuta di presentazione al fornitore o prestatore ovvero in dogana. Il fornitore non sarà più tenuto ad effettuare l’invio all’Agenzia delle Entrate della comunicazione con i dati delle dichiarazioni d’intento ricevute.

Tuttavia il fornitore dovrà attendere la consegna dei relativi documenti dall’esportatore, in quanto solo dopo aver ricevuto e controllato tale documentazione, potrà emettere fattura senza l’addebito dell’Iva e con la dicitura “operazione non imponibile”.

L’unico onere in capo del fornitore o prestatore, a parte la verifica dei documenti ricevuti, sarà, dal 2015, quello di riepilogare, nella dichiarazione annuale dell’Iva, i dati contenuti nelle lettere d’intento ricevute nonché i dati delle operazioni effettuate senza addebito dell’Iva nei confronto dei singoli esportatori. A tale scopo il modello Iva relativo  al 2015 dovrà essere opportunatamente integrato ed entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto di semplificazioni dovrà essere emanato un provvedimento che illustrerà le modalità applicative della nuove disposizioni.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...