Consulenza o Preventivo Gratuito

TASI e IMU riunite in unica imposta

del 13/10/2014

Anche se non sono ancora scadute, si prevedono importanti novità su Tasi e Imu, le imposte che pesano di più sulle abitazioni. Sembra che la tassa sugli immobili e sui servizi indivisibili saranno accorpate in un'unica imposta già dall'anno prossimo. Secondo una fonte vicina ai vertici governativi, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi è intenzionato a unificare le due imposte. Inoltre, stando alle dichiarazioni del Premier, saranno i Comuni in cui gli immobili sono situati che avranno la responsabilità di decidere sulle modalità di pagamento della nuova tassa, stabilendo scadenze e aliquote.

L'imposta che unifica Tasi e Imu potrebbe entrare in vigore già con l'approvazione della Legge di Stabilità anche se ancora non è stato comunicato l'iter che seguirà. L'obbiettivo dichiarato dal Governo è quello di rendere più facile la vita ai cittadini semplificando le imposte a cui devono far fronte. Questa necessità si è presentata soprattutto a seguito alla grande confusione che si è creata attorno all'Imu e alla Tasi quest'anno e che ancora, nonostante la prossima fine dell'anno fiscale, non è stata del tutto risolta.

Sembra inoltre che sul tavolo del presidente del Consiglio ci sia anche il progetto di introdurre nuove detrazioni sulla nuova tassa; si parla di 200 euro per ogni figlio a carico fino ad un massimo di 400 euro. A differenza delle aliquote, delle scadenze e delle modalità di pagamento, le detrazioni dovrebbero essere invece decise a livello centrale e uguali per tutti i contribuenti.

L'ANCI, l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e la Confedilizia, Confederazione Italiana Proprietà Edilizia, hanno accolto con favore l'intenzione di introdurre una sola tassa unificatrice e la volontà di semplificare le cose per i cittadini. Ci sono però alcuni dubbi che devono essere ancora sciolti. Non è ancora stato specificato, ad esempio, se la tassa è a carico dei proprietari degli immobili, come avviene oggi, o anche degli inquilini. Se si pensa ai servizi offerti dal Comune, come ad esempio, l'illuminazione o la manutenzione del verde pubblico, si tratta di benefici di cui non gode direttamente l'intestatario dell'abitazione bensì chi la abita dunque, probabilmente sarà il Comune stesso a decidere se suddividere il pagamento fra inquilini e proprietari e in quale misura. È anche vero che alcune Amministrazioni Comunali hanno deciso di sollevare gli affittuari dall'onere del pagamento dell'imposta per evitare di rendere di nuovo complicato il calcolo dell'imposta. 
Ad oggi non è ancora possibile fare una stima dell'ammontare della nuova tassa ma è facile immaginare che essa varierà notevolmente da Comune a Comune così come già accade per la Tasi.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...