Consulenza o Preventivo Gratuito

transfer pricing...in parole semplici

del 03/09/2014

Il transfer pricing individua le politiche di trasferimento dei prezzi per l’acquisto di beni o di servizi che vengono utilizzate fra le imprese che fanno parte dello stesso gruppo societario.

In particolare, si tratta di verificare se le transazioni commerciali o finanziarie tra le imprese multinazionali vengano effettuate seguendo il principio di libera concorrenza cosiddetto arm's length principle, vale a dire se le suddette operazioni comportano le condizioni economiche applicabili qualora i soggetti coinvolti fossero indipendenti.

Molte volte infatti, in particolare nelle transazioni infragruppo, vengono utilizzati prezzi di trasferimento spesso più convenenti rispetto ai quelli normalmente adottabili sul mercato.

Questo acconsente ad ottenere un consistente vantaggio fiscale in quanto frequentemente le imprese facenti parte del gruppo spostano una parte dell'imponibile da uno Stato a fiscalità piena verso uno a basso prelievo, anche un paradiso fiscale con lo scopo di evitare di versare alte imposte.

In considerazione di ciò, al fine di garantire la propria potestà impositiva, i singoli Stati hanno adottato una normativa specifica sul transfer pricing, la quale recepisce il principio di valutazione a valore normale delle transazioni infragruppo contenuto nel modello di convenzione Ocse.

In Italia, la disciplina del transfer pricing viene disciplinata dal’art.110, comma 7 del TUIR, il quale stabilisce che i componenti del reddito derivanti da operazioni con società non residenti nel territorio dello Stato, che direttamente o indirettamente controllano l’impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l’impresa, devono essere valutati in base al valore normale dei beni ceduti, dei servizi prestati e dei beni e servizi ricevuti.

Dunque si deve procedere a rideterminare detto valore ogniqualvolta esso risulti differente al valore normale, in particolare quando ne deriva aumento del reddito (o anche ne derivi una diminuzione, ma soltanto in esecuzione degli accordi conclusi con le autorità competenti deli Stati esteri a seguito delle speciali procedure amichevoli previste dalle convenzioni contro le doppie imposizioni sui redditi).

Le imprese soggette all’applicazione dell’articolo 110 comma 7 del Tuir, devono effettuare perciò le rettifiche in aumento oppure in diminuzione, compilando appositi righi nella propria dichiarazione dei redditi.

A partire dal 2010, in Italia è stato introdotto inoltre l’onere di predisporre una documentazione volta a supportare la politica dei prezzi di trasferimento adottata, con il contestuale obbligo di darne comunicazione al Fisco.

La documentazione elaborata non rappresenta tuttavia un vero e proprio obbligo ma è piuttosto un onere documentale che potrebbe consentire la non applicazione di eventuali sanzioni in caso di rettifica dei prezzi di trasferimento in seguito a controlli dell’Amministrazione Finanziaria.

Infatti, ai sensi del nuovo art 2 ter introdotto dall’art. 26 del D.L. 78/2010, la sanzione per l’infedele dichiarazione non è applicabile, nel caso di accessioni, ispezioni o verifiche o altre attività istruttorie, se l’impresa dimostra di aver comprovato i criteri di determinazione dei prezzi di trasferimento applicati con le altre imprese del gruppo.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...