Consulenza o Preventivo Gratuito

Spesometro quanto ci costi

del 28/04/2014

Spesometro quanto ci costi

La terza eultima scadenzadel cosiddettospesometro 2014è alle porte. Dopo le prime due, del 10 e del 22 aprile (relative, rispettivamente, a chi paga l'IVA mensilmente e chi trimestralmente), c'è tempo solo fino al30 aprile(per commercianti e operatori finanziari per i quali non vige obbligo di fattura) per inviare i dati relativi allo spese affrontate, dopo di che cominceranno i controlli incrociati. Entro il 30 aprile, dunque, vige l'obbligo di inviare tutti i documenti di spese che superano i 3600 euroeffettuate nel 2013, quindi scontri, fatture e ricevute.

Lo Spesometro è uno degli strumenti che l'Agenzia delle Entrate utilizza perindividuare gli evasori fiscaliattraverso ilconfronto fra gli acquisti effettuati e il reddito dichiarato. Non si tratta di un'idea recente, l'introduzione di questo strumento è datata 2010, anno in cui il Fisco stabilì di incrociare i dati di fornitori e spese dei consumatori per le sue verifiche.

Dopo l'ultima scadenza l'Agenzia delle Entrate provvederà a completare la raccolta dei dati con gli acquisti effettuati attraverso il pagamento elettronico. Una volta inserite nei database tutte queste informazioni sarà possibile avviare il controllo per scovare le incongruenze fra dichiarazioni dei redditi e spese sostenute.

Ancora non è possibile calcolare quanti evasori verranno individuati e a quanto ammonterà la cifra recuperata dal Fisco. È però possibile fare il calcolo di quanto costerà questa operazioneche è ovviamente a carico dei contribuenti (e quindi anche sulle spalle di chi paga regolarmente le tasse). I costi variano in base al tipo di operazione che l'Agenzia delle Entrate compirà.
Per unalettera di intentoil prezzo è di circa183 euro; ogni posizione accertata daglistudi di settoreha invece una ricaduta media di187 euromentre perl'invio dello spesometroil costo, a carico del richiedente, è di103 euro. Per ottenere questi calcoli ci si è basati suidati medi relativi ai costi delle pratichequindi, per esempio, le ore lavorative necessarie per elaborarle, il costo dei software necessari e le ore di formazione che devono fare gli addetti.
La guerra all'evasione ha dunque un prezzo che ricade su tutti i cittadini che essi abbiano evaso o meno il Fisco. Al momento, però, questa spesa sembra essere inevitabile e necessaria perché senza di essa non sarebbero possibili le indagini per scoprire chi evade causando un danno economico notevole. Basti pensare che solo nel 2013, a causa del mancato gettito fiscale c'è stata una perdita di180 miliardi di euroche colloca l'Italia al primo Posto in Europa per evasione fiscale.


vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...