Consulenza o Preventivo Gratuito

Tablet innovativo per non vedenti

del 24/02/2014

Ormai ognuno di noi possiede almeno uno smartphone o un tablet: in Italia si calcola che nel terzo trimestre del 2013 sono stati venduti ben 5,5 milioni di unità con una crescita del 22,3%. È il settore dei tablet, però, a trainare il mercato: si stima, infatti, che nel 2014 ci sarà un'importante crescita nelle vendite che darà seguito alla dinamica di vendita registrata negli ultimi trimestri.

Quello dei tablet è, quindi, un mercato in continua espansione che dal 21 Febbraio si è ampliato ulteriormente conquistando una fetta di mercato che sembrava impossibile da soddisfare. È stato lanciato, infatti, nella Giornata internazionale del Braille il primo tablet per non vedenti. Sì, avete capito bene: la società Coreana Hims, da sempre attiva nella produzione di tecnologie per l'indipendenza dei ciechi nella vita quotidiana, ha ideato Braille SENSE Mini un tablet dotato di un display Braille, di tasti e di sintesi vocale.

Grazie a questo device mobile braille si è potuto dare un'altra occasione al sistema di scrittura e lettura a rilievo per non vedenti e ipovedenti, messo a punto ben due secoli fa dal francese Louis Braille. Con questo tablet i ciechi possono lavorare in mobilità come tutte le persone senza disabilità: basta un comando per ottenere le informazioni che si desiderano in Braille o in voce. Leggero, di piccole dimensioni con tasti, display braille e sintesi vocale: il Braille Sense Mini ha, dunque, rivoluzionato il mercato mobile dei non vedenti sia per la sua forma contenuta che per le tante funzionalità che offre. Davide Cervellin, titolare dell'azienda che distribuisce il prodotto tecnologico in Italia, ha spiegato che questo tablet rispetto alla concorrenza darà ai ciechi la possibilità di "scrivere e ricevere mail, usare i social network, registrare o ascoltare musica, navigare sul web o usare il navigatore". Insomma, questo strumento offre ai non vedenti la possibilità di vivere appieno  le relazioni sociali sul web e di risolvere l'annosa problematica del 'come comunicare'.

Il Braille Sense Mini è già in uso presso la Lega del Filo d'Oro che organizza dei corsi per insegnare alle persone sordo-cieche a comunicare in modo facile con questa tecnologia. Dopo il corso di Milano, la Lega del Filo d’Oro sta già pensando di preparare dei seminari analoghi anche nelle sedi di Roma e Molfetta. Questo speciale tablet è in vendita in Italia al costo di euro 2.704,00 ma molti non vedenti potranno ottenerlo facendo richiesta attraverso il sistema sanitario nazionale.


vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati