Consulenza o Preventivo Gratuito

Statistiche sull'evasione fiscale nel 2013

del 27/01/2014

Statistiche sull'evasione fiscale nel 2013

La Guardia di Finanza ha diffuso ieri delle interessanti stime sul lavoro condotto nel 2013, focalizzandosi sulle attività di accertamento e di lotta ai fenomeni legati all’evasione e all’eluzione fiscale.

Secondo quanto emerso dai quadri illustrati dalla polizia tributaria, nel corso del 2013, sono stati individuati ben ottomila evasori totali, più di 12mila responsabili di reati fiscali che hanno sottratto alla tassazione all’incirca 52 miliardi, dei quali 20,7 miliardi riguardano le frodi carosello, i reati tributari e l’evasione di piccola entità.

Questi sono, in sostanza, i risultati portati a galla nel bilancio dell'attività delle Fiamme Gialle.

Considerata la mole delle cifre in oggetto, è chiaro che le ferite inferte allo Stato, all’Unione europea e ai diversi enti locali siano immani, anche perché non solo creano disequilibrio nel sistema economico, ma arrivano a una tale problematica passando altresì attraverso l’alterazione della concorrenza tra le varie realtà imprenditoriali.

Il bilancio della Guardia di Finanza evidenzia anche una serie di cifre con le quali la politica di accertamento e lotta all’evasione ha inferto dei duri colpi al contesto delle attività irregolari nei confronti del fisco.

Nel dettaglio, sono stati denunciati 12.726 soggetti considerati responsabili di frodi e reati fiscali, si questi ne sono stati arrestati ben 202. I principali reati commessi spaziano dall’utilizzo o emissione di fatture false (5.776 violazioni) al mancato versamento dell'Iva (534 casi), dall’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi (2.903 violazioni) alla distruzione o all’occultamento della contabilità (1.967 casi). Insomma, reati pesanti attraverso i quali sono state sottratte alle casse erariali delle sostanziose somme di denaro.

Sul fronte internazionale, poi, le Fiamme Gialle hanno scoperto ricavi non dichiarati e costi non deducibili per un ammontare pari a 15,1 miliardi di euro. Queste indagini che hanno travalicato i confini nazionali sono state possibili grazie della collaborazione amministrativa con gli altri Paesi e all'attività svolta dai cosiddetti ''esperti'' della Guardia di Finanza all'estero.

Nel dettaglio, la polizia tributaria ha sottolineato che i casi più importanti, legati a scoperte economicamente più sostanziose, si riferiscono ai trasferimenti “di comodo” della residenza di persone e società in Stati esteri comunemente indicati alla stregua di paradisi fiscali, nonché all'individuazione di stabili organizzazioni occulte, vale a dire inerenti a società con sede estera che svolgono in Italia attività soggette a tassazione che tuttavia hanno sedi secondarie non fiscalmente dichiarate.

Per quel che concerne gli evasori totali, ne sono emersi ben 8.315 con un occultamento dei redditi pari alla cifra complessiva di 16,1 miliardi di euro.

Dalle indagini svolte nel coso del 2013 si è chiarito che i ricavi non contabilizzati e i costi non deducibili rilevati con riferimento ad altri fenomeni evasivi sono stati 20,7 miliardi di euro. In riferimento al capitolo IVA, vediamo che quella evasa è stata di oltre 4,9 miliardi di euro, dei quali 2 miliardi sono riconducibili a ''frodi carosello'' basate su fittizie transazioni commerciali con l'estero. Infine le imposte evase constatate in esito a frodi nel settore delle accise (imposte che riguardano anche i prodotti energetici) sono state equiparabili a una soglia di 145 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle sono intervenute anche nei casi di rapporti di lavoro irregolari. Andando più nel dettaglio, si noti che nel 2013 sono stati individuati ben 14.220 lavoratori completamente ''in nero'' e 13.385 irregolari, impiegati da 5.338 datori di lavoro.

In merito ai giochi, il bilancio della Guardia di Finanzia mostra l’emersione di 123 milioni di euro relativi a scommesse non assoggettate ad imposta.

A una tale cifra si è arrivati passando per più di 9.000 interventi nel settore dei giochi e delle scommesse e facendo luce su violazioni in 3.500 casi a carico di 10.000 responsabili. In merito al rilascio scontrini e fatture fiscali, gli accertamenti effettuati sono stati oltre 400 mila, svolti avvalendosi sia di piani coordinati di controllo adeguati alle diverse realtà territoriali, sia in riferimento alle attività giornaliere mirate al contrasto delle varie forme di abusivismo e illeciti in campo economico. In un modo o nell’altro, le Fiamme Gialle hanno scoperto delle irregolarità nel 32% dei casi.

La Guardia di Finanza ha individuato anche grosse cifre di denaro contante convogliate verso alcuni Paesi esteri.

In sostanza, sono stati più di 298 milioni, ripartiti tra gli euro cash intercettati e i titoli, illecitamente trasportati oltre i confini nazionali.

Sul punto, la polizia tributaria ha posto in evidenza il cospicuo incremento (+ 140% rispetto al 2012) della valuta sequestrata in frontiera, che ha superato la soglia dei 258 milioni.

Un tale risultato è stato raggiunto anche in virtù di un più severo e mirato sistema sanzionatorio che è entrato in vigore nel 2012. Nel complesso, sono state 4.760 le violazioni contestate.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...