Consulenza o Preventivo Gratuito

Banca mondiale, ripresa per l'economia globale

del 20/01/2014

Secondo la Banca Mondiale che, per la prima volta in tre anni, nel "Global Economic Prospects" ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita dell'economia globale in base anche al rafforzamento delle economie avanzate, tra i quali svettano gli Stati uniti. "Per la prima volta in cinque anni ci sono indicazioni che sia iniziata una rispesa autonoma tra i Paesi più ricchi, il che fa pensare che questi si possano unire ai Paesi in via di sviluppo come secondo motore di crescita nell'economia mondiale", ha spiegato nel report Kaushik Basu, capo economista dell'Istituto.

Nel rapporto rilasciato nei giorni scorsi, l’istituto bancario mondiale ha illustrato le proprie previsioni sul PIL, sulla stabilità politica e sulle misure di austerity che la crisi economica ha reso necessarie in non pochi Paesi colpiti dalla recessione. Per quel che concerne il prodotto interno lordo mondiale, la Banca ha sottolineato che per l’anno in corso si prevede una crescita del 3,2% dal 2,4% che era stato registrato nel 2013. Previsioni che già si erano fatte largo nel giugno scorso, quando l’istituto aveva annunciato di avere grandi aspettative per il 2014, prevedendo che la crescita globale avrebbe raggiunto il 3%.

Gli altri due punti sui quali il "Global Economic Prospects" si è soffermato, riguardano le misure di austerity che hanno coinvolto alcuni Paesi e che sono state determinate dalla crisi e la questione dell’incertezza politica che spesso è andata di pari passo con quella di stampo economico e finanziario. Il parere della banca mondiale è che l'economia globale sia giunta a un "punto di svolta", in quanto ad oggi sia l'austerity che l'incertezza politica non hanno più un peso tanto rilevante per quel che concerne le economie più forti. Nello specifico, sempre in riferimento alle economie più ricche, le attese dell’istituto si concentrano sugli Stati uniti, dai quali si auspica una crescita più robusta pari al 2,8% nel 2014 rispetto all'1,8% dell’anno appena conclusosi.

Direzione inversa è quella che invece hanno intrapreso i Paesi in via di sviluppo, per i quali le previsioni di crescita sono state riviste al ribasso al 5,3% per il 2014 rispetto al 5,6% auspicato a giugno.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...