Consulenza o Preventivo Gratuito

Semplificazioni per le partite iva

del 13/01/2014

A partire dal 1° gennaio 2015, si alleggeriscono gli adempimenti fiscali per i titolari di partita IVA che adottano il regime facoltativo di comunicazione telematica giornaliera all’Agenzia delle Entrate dei dati analitici delle fatture di acquisto e cessione di beni e servizi e dell’ammontare dei corrispettivi delle operazioni non soggette a fatturazione.

Con un apposito regolamento saranno stabilite le informazioni da annotare nei registri IVA e saranno eliminati gli obblighi di trasmissione all’Agenzia di dati e dichiarazioni contenenti informazioni già ricomprese nelle comunicazioni giornaliere.

Dalla data di entrata in vigore dell’apposito decreto attuativo le comunicazioni giornaliere sostituiranno gli obblighi attualmente previsti in materia di: comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA (cosiddetto “spesometro”, da ultimo attuato dal provvedimento del direttore dell’Agenzia del 2 agosto 2013); comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate delle operazioni effettuate con operatori economici con sede, residenza o domicilio in paesi black list; comunicazione telematica all’Anagrafe tributaria da parte delle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici degli estremi dei contratti di appalto, somministrazione e trasporto conclusi con scrittura privata e non registrati; comunicazione telematica dei dati contenuti nelle dichiarazioni di intento ricevute da parte di chi cede beni o fornisce servizi nei confronti di contribuenti che si avvalgono della facoltà di effettuare acquisti o importazioni senza applicazione dell’imposta; presentazione in via telematica all’Agenzia delle dogane degli elenchi riepilogativi degli acquisti intracomunitari di servizi ricevuti da soggetti stabiliti nel territorio dello Stato.

A chi si avvale della trasmissione telematica giornaliera, inoltre, non si renderanno applicabili: le regole sulla solidarietà del cessionario per il pagamento dell’Iva in caso di mancato versamento dell’imposta da parte del cedente relativa a cessioni effettuate a prezzi inferiori al valore normale; le regole relative alla solidarietà dell’appaltatore con il subappaltatore, nei limiti dell’ammontare del corrispettivo dovuto, per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente dovute dal subappaltatore per le prestazioni effettuate nell’ambito del rapporto di subappalto di opere o di servizi.

A partire dal 2014, anno d’imposta 2013, anche i titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati che non hanno un sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) tenuto a effettuare il conguaglio, come ad esempio i contribuenti che hanno perso il lavoro senza trovare un nuovo impiego possono avvalersi dell’assistenza fiscale dei Caf o dei professionisti abilitati (commercialisti, consulenti del lavoro, ecc.), presentando il modello 730 al posto di Unico.

Se dalla dichiarazione emerge un debito tributario, chi presta l’assistenza fiscale trasmette telematicamente all’Agenzia delle Entrate anche il modello di versamento F24 oppure lo consegna compilato al contribuente che effettua il pagamento. Se dalla dichiarazione emerge un credito, in assenza del sostituto d’imposta, il rimborso è eseguito dall’Agenzia delle Entrate in base al risultato finale della dichiarazione.

Per le dichiarazioni 2013, relative all’anno d’imposta 2012, il modello 730 può essere presentato solo se dal modello risulta un credito. I rimborsi sono eseguiti in tempi rapidi perché l’Agenzia delle Entrate provvede a restituire gli importi a credito in base al risultato finale della dichiarazione, senza attendere l’esito delle procedure di liquidazione automatizzata.

Nel caso in cui dalla dichiarazione emerga un debito tributario, il contribuente può avvalersi di chi presta l’assistenza fiscale anche per versare le imposte dovute.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...