Consulenza o Preventivo Gratuito

Aumentata la pressione fiscale nel 2013

del 08/01/2014

Aumentata la pressione fiscale nel 2013

Nel corso del 2013 la pressione fiscale è aumentata arrivando al 44,3%, segnando così un nuovo record. A ciò si aggiunge il fatto che per il 2014 le previsioni sono abbastanza stabili su un dato che però non desta alcun incoraggiamento, nonostante le recenti dichiarazioni del ministro Saccomanni. Infatti si stima che per l’anno appena iniziato il livello di pressione fiscale potrebbe superare in maniera costante il 44%. A lanciare l’allarme è un'analisi dell'Ufficio Studi Confcommercio sull'evoluzione del carico fiscale in Italia. I dati esposti sono verificabili in maniera semplice e diretta, in quanto nel 2013 il prelievo di imposte e contributi previdenziali è cresciuto di circa 1,6 miliardi di euro rispetto all’anno precedente. In maniera contestuale a una siffatta crescita, il PIL nominale è stato soggetto a una flessione di oltre 8,7 miliardi di euro. Secondo i ricercatori della Confcommercio, tali elementi portano all’aumento del rapporto aritmetico che indica la pressione fiscale, salito nel 2013 al 44,3%, quindi in aumento di tre decimi di punto al 44% del 2012. Il punto è che nel corso del 2013 non è stato avviato alcun programma di riduzione della pressione fiscale, ma si è invece proceduto con dei parziali effetti redistributivi volti a rimodulare il gettito tra le diverse categorie di contribuenti.

Una simile prospettiva non di certo in linea con gli auspici di crescita e ripresa, per raggiungere i quali invece serviranno innanzitutto coraggio e incisività in merito alle misure di contenimento della spesa pubblica, di taglio degli sprechi e di politiche fiscali dal lato dell’offerta. Il punto principale sul quale l’Italia sarà chiamata a operare riguarderà la produttività e il lavoro, avviando quindi una forte contrazione dei carichi fiscali che soffocano attualmente i fattori produttivi. In altri termini, bisognerà far scendere le cesoie sul cuneo fiscale.

Secondo l’Ufficio studi della Confcommercio , senza la riduzione del carico fiscale non si va da nessuna parte, non ha mezzi termini. Ciò sta significare che uno dei principali obiettivi che la squadra esecutiva dovrà perseguire nel corso del 2014 dovrà essere proprio una contrazione della pressione fiscale. L’associazione di categoria alla quale fanno riferimento gli imprenditori del commercio è certa che l’unica via d’uscita da questa impasse sia appunto un alleggerimento del carico di natura tributaria. I ricercatori dell’Ufficio studi non parlano né di spostare le tasse né di rimodularle, ma di alleggerirle in maniera semplice e chiara. Diminuzione, riduzione, contrazione, questi dovranno essere i termini che costituiranno il cavallo di battaglia del nuovo anno sul fronte fiscale. Confcommercio auspica una riduzione certa, progressiva e sostenibile della pressione fiscale, considerandola alla stregua di un'esigenza fondamentale di lavoratori, imprese e pensionati. Anche perché questa rappresenta l’unica via per ridare lustro e forza alle forze produttive vitali che sono presenti in Italia, ma che attualmente risultano oppresse dal carico impositivo.

Parlare di riduzione della pressione fiscale nel 2014 è tuttavia un discorso abbastanza illusorio, perché come abbiamo visto il livello della stessa non scenderà mai al di sotto del 44%, attestandosi intorno al 44,2% con lievi variazioni di centesimi di punto percentuale.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...