Consulenza o Preventivo Gratuito

Se il fisco ritarda il rimborso delle imposte

del 03/01/2014

Se il fisco ritarda il rimborso delle imposte

Se il Fisco ritarda nel rimborsare le imposte, il contribuente può rivolgersi al giudice tributario per la liquidazione del danno da svalutazione monetaria (Corte di Cassazione, VI Sez. Civ. – T con ordinanza 18.12.2013 n. 28332).

La Cassazione ha accolto il ricorso di una banca che nei primi due gradi di giudizio ha visto respingere la propria domanda di risarcimento danno ex art. 1224 2^ c. c. formulata contro l’Amministrazione Finanziaria per via di un eccessivo ritardo nel rimborso di un credito IRPEG.

La norma citata stabilisce che, nelle obbligazioni che hanno per oggetto una somma di denaro, sono dovuti dal giorno della mora gli interessi legali, anche se non erano dovuti precedentemente e anche se il creditore non prova di aver sofferto alcun danno.

Se prima della mora erano dovuti interessi in misura superiore a quella legale, gli interessi moratori sono dovuti nella stessa misura (1^ c.).

Al creditore che dimostra di aver subito un danno maggiore spetta l'ulteriore risarcimento. Quest’ultimo non è dovuto se è stata convenuta la misura degli interessi moratori (2^ c.).

Gli Ermellini hanno chiarito che, anche con riferimento alle pretese restitutorie vantate dal contribuente nei confronti dell'Erario, opera il principio che, nel caso di ritardato adempimento di un’obbligazione pecuniaria, può liquidarsi il danno da svalutazione monetaria, sempre che il creditore deduca e dimostri che un tempestivo adempimento gli avrebbe consentito di impiegare il denaro in modo tale da elidere gli effetti dell'inflazione e salva l'applicazione, imposta dalla specificità della disciplina dell'obbligazione tributaria, di un particolare rigore nella valutazione del materiale probatorio.

Non si può negare in astratto il diritto del contribuente al risarcimento del maggior danno da ritardo nel rimborso delle imposte; salvo adottare rigore nella valutazione della prova di tale danno.

Così la Corte ammette la risarcibilità del maggior danno previsto dal 2^ comma dell’articolo 1224 c.c.: il giudice del rinvio dovrà procedere alla disamina delle prove al riguardo offerte dal contribuente, verificando che la domanda sia sorretta non dalla mera allegazione della sua qualità d’imprenditore e dalla mera deduzione del fenomeno inflattivo come fatto notorio, ma da specifiche indicazioni in ordine al danno derivatole dalla indisponibilità del denaro determinata dall’inadempimento dell’Erario.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Le città del nord sono le più care

del 22/07/2010

Da un recente studio Istat, Unioncamere e Istituto Tagliacame, le città più care del nostro Paese so...