Consulenza o Preventivo Gratuito

ABI e Cassa Depositi e Prestiti per i mutui

del 26/11/2013

La situazione economica sfavorevole che da tempo attanaglia l'Italia ha reso sempre più difficile per le famiglie ottenere mutui e prestiti necessari per la ristrutturazione o per l'acquisto di una nuova abitazione. La diminuzione delle entrate, la perdita di lavoro anche temporanea e il sempre più frequente ricorso dalla cassa integrazione da parte delle aziende, sono alcuni dei motivi che stanno riducendo sempre più le possibilità di acquisto da parte delle famiglie.

Per questo motivo l'ABI (Associazione Bancaria Italiana) e la Cassa Depositi e Prestiti (CDP), hanno deciso di unire i loro sforzi per garantire ai privati cittadini condizioni più favorevoli e meno restrittive per l'accesso al credito per le spese da sostenere per l'acquisto o per la ristrutturazione delle abitazioni. ABI e CDP hanno siglato un accordo denominato "Plafond Casa" che prevede la messa a disposizione di circa cinque miliardi di euro, a favore delle famiglie numerose, con un componente disabile e per le giovani coppie che desiderano acquistare l'abitazione di residenza.

Secondo alcuni studi sarebbero infatti in aumento le richieste di mutui da parte delle famiglie per l'acquisto o per la ristrutturazione di casa, ma spesso l'accesso al credito è precluso a causa delle condizioni troppo stringenti previste dalle banche. Secondo il "Barometro CRIF" che tiene sotto controllo le domande di accesso al credito da parte dei cittadini, nell'ultimo anno sarebbero però aumentate dell'1,2% le domande di credito per l'acquisto di casa. Sarebbero invece calate di quasi il dieci per cento (9,4% per la precisione) le richieste di credito personale.

Anche le stime della società di studi economici NOMISMA sembrerebbero confermare questi dati. Secondo l'istituto inoltre nel 2014 le richieste di credito potrebbero aumentare fino al 17,6%.

Ad una prima lettura il "Plafond Casa" sembrerebbe rispondere in parte anche a quanto stabilito dal Piano Casa varato dal governo Letta durante l'estate e convertito in legge nel mese di ottobre, che prevede misure a sostegno del credito destinato alle famiglie, per consentire il miglioramento della situazione economica compromessa dalla crisi. 

Il Piano Casa del Governo e il Plafond Casa di ABI e CDP hanno quindi come obiettivo prefissato quello di favorire la ripresa economica nazionale a partire dai singoli cittadini, rimettendo in moto un comparto economico come quello immobiliare, fortemente compromesso dalla crisi economica che ha precluso a molte famiglie (soprattutto a quelle più sensibili alla crisi come le giovani coppie, le famiglie numerose o le famiglie con persone diversamente abili) la possibilità di acquistare un'abitazione o di ristrutturare quella già in possesso.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati