Consulenza o Preventivo Gratuito

La scuola risponde se non è suonata la campanella

del 21/10/2013

La Suprema Corte con la sentenza n. 22752 del 4 ottobre 2013 ha riconosciuto il risarcimento danni in favore di una scolara delle elementari che, salita su un muretto del cortile antistante la scuola, si era fatta male prima dell’inizio delle lezioni.

Infatti gli alunni minori di età non possono essere lasciati soli, neppure prima del suono della  campanella: il personale scolastico deve vigilare sui bambini in cortile.

Il  Ministero della Pubblica Istruzione, risponde dunque di mancata vigilanza, infatti la Scuola è obbligata a disporre tutto quello che è necessario per evitare che l'alunno provochi danno a sè o a terzi all'interno e nel cortile della stessa.

Scrive la Corte di Cassazione: "In ipotesi di danno come questo, cagionato dall'alunno a sé medesimo (autolesioni), l'accoglimento della domanda di iscrizione, con la conseguente ammissione dell'allievo a scuola determina l'instaurazione di un vincolo negoziale dal quale sorge a carico della scuola l'obbligazione di vigilare sulla sicurezza e l'incolumità dell'allievo per il tempo in cui questi fruisce della prestazione scolastica, in tutte le sue espressioni".

Nel momento dell'ingresso nei locali  scolastici si realizza l’affidamento in custodia degli allievi al personale scolastico tenuto alla vigilanza ed al controllo.

La  responsabilità di natura contrattuale della Scuola si fonda sull' nell’articolo 2048 c.c., che disciplina la “responsabilità dei precettori e maestri d’arte”: trattasi di responsabilità indiretta o, come autorevole dottrina sostiene, di “responsabilità per colpa e precisamente di culpa in vigilando” nel senso che essa è presunta per il solo fatto che il soggetto è tenuto alla sorveglianza".

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati