Consulenza o Preventivo Gratuito

Sono 100 le tasse addizionali e ritenute

del 21/10/2013

Sono 100 le tasse addizionali e ritenute

Sono ben 100 le tasse, gli addizionali e le ritenute che gravano sulle tasche dei cittadini. Ad assumersi l'onere di calcolare il numero dei balzelli è stato uno studio dell'Associazione Artigiani piccole Imprese di Mestre – CGIA. Il valore complessivo di queste 100 tasse è pari a ben 472 miliardi di gettito l’anno che corrispondono a 11.800 euro pro capite che assicura allo Stato l’87,5% delle entrate totali.

Il peso della tassazione sui bilanci è la tematica che unisce le prese di posizioni di tutte le associazioni di categorie. È da mesi infatti che queste denunciano le difficoltà a far fronte alla pressione fiscale che ormai sono il problema fondamentale che affligge tutti. L'Italia possiede purtroppo il triste primato di essere fra le nazioni europee ad avere la pressione fiscale più pesante. Ciò che forse contraddistingue il nostro Paese però consiste nello squilibrio fra le imposte corrisposte e i servizi pubblici che queste dovrebbero finanziare.

La situazione sul nostro territorio nazionale, per quanto riguarda proprio i servizi che lo Stato offre alla comunità, è però disarmante e non ci fa certo fare una bella figura a livello europeo. Questo si rivela in realtà come il punto cruciale. Se, infatti, a tutte queste tasse pagate corrispondessero dei servizi equi, i cittadini metterebbero mano al portafoglio, forse, con un animo più leggero. Purtroppo però le cose non stanno così dato che all'aumento della pressione fiscale non corrisponde un miglioramento dei servizi. Il primo pensiero va alla Sanità, ai costanti tagli che la affliggono e che costringono i cittadini a rivolgersi, quando si può, alle strutture private oppure a subire estenuanti liste d'attesa infinite.

Oltre a dirci quante sono le tasse che paghiamo e a quanto corrispondono, lo studio della CGIA di Mestre, ha stilato anche una classifica di quelle più pesanti: l’IRPEF è al primo posto, il suo gettito al Fisco è pari a 164 miliardi l’anno. Al secondo posto troviamo l'Iva, da poco aumentata al 22%, che porta alle casse dello Stato 93 miliardi di euro l’anno.

In sostanza, IRPEF e Iva portano allo Stato il 54% del gettito tributario annuale ed ecco spiegate le ragioni per le quali il Governo sceglie sempre di intervenire al rialzo proprio su queste due imposte. La CGIA di Mestre ha anche calcolato quanto questi balzelli siano aumentati nel tempo. Secondo le rilevazioni dal 1986 ad oggi la pressione fiscale è aumentata del 9% ovvero di circa 140 miliardi

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...