Consulenza o Preventivo Gratuito

Reato gonfiare i conti

del 01/10/2013

Reato gonfiare i conti

Quando si parla di evasione fiscale si pensa sempre alle omissioni nelle dichiarazioni degli introiti. E soprattutto in un momento storico come questo che sta attraversando il nostro Paese, l'attenzione verso gli evasori è alta e si stanno mettendo in campo tutte le strategie possibili per scovare i trasgressori e riportare alle casse dello Stato il maltolto. Ultimo, ma solo in ordine di tempo, è ad esempio il redditometro. Uno strumento di verifica adottato dall'Agenzia delle Entrate che mette a confronto i beni in possesso del contribuente e il loro mantenimento con il reddito dichiarato. Se il Fisco rileva che il valore di quanto posseduto supera quanto dichiarato fa scattare gli accertamenti e il contribuente deve spiegare come fa a mantenere quello che possiede.

Un altro tipo di evasione, che invece viene spesso sottovalutata, avviene quando si gonfiano i costi sostenuti dichiarando di spendere più di quanto si ha realmente fatto. Anche in questo caso, è bene ricordarlo, si compie una vera e propria frode fiscale grave quanto l'omissione dei guadagni conseguiti.
Con la sentenza numero 36900 del 9 Settembre 2013 la Corte di Cassazione accende un faro proprio su questa questione.
Di fronte agli Ermellini si era presentato un contribuente che aveva compilato la dichiarazione dei redditi indicando di aver contratto dei costi maggiori rispetto a quelli realmente affrontati per gestire la propria attività. A seguito delle verifiche di rito, il caso del contribuente “furbetto” è arrivato fino alla Corte Suprema che ha senza difficoltà sentenziato che quanto messo in atto dall'imputato era finalizzato a voler compiere un gesto illegale contro il Fisco. Quindi, gonfiare le spese è un gesto fraudolento che mira ad ottenere un esborso fiscale minore. 

Attraverso la stessa sentenza inoltre la Corte di Cassazione ha voluto chiarire anche un altro aspetto riguardante le dichiarazioni di costi più alti presentate dai contribuenti. Nel caso in cui queste dichiarazioni falsate riguardano l'importo versato ad un dipendente che ha effettuato la mansione per cui è stato assunto, non si configura nessun reato. Questo perché non sono stati presentati documenti falsi, come ad esempio le fatture, che dichiarano attività mai avvenute.
L'articolo 2 del Decreto Legislativo numero 74 del 2000 infatti parla proprio di "fatture o altri documenti per operazioni inesistenti", che sono state emesse a fronte di prestazioni mai eseguite o eseguite in parte o che indichino corrispettivi o IVA corrisposta in più rispetto alla realtà. Quindi è necessaria l'esistenza di documenti emessi a fronte di prestazioni mai eseguite per poter individuare un reato.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...