Consulenza o Preventivo Gratuito

Stagione delle truffe, avvengono cosi

del 11/08/2013

«Buongiorno, siamo funzionari dell'Agenzia delle Entrate e la contattiamo per notificarle un verbale di mancato pagamento del canone Rai, passeremo presso il suo negozio per riscuotere la cifra». Con queste parole, sedicenti funzionari dell’Agenzia delle Entrate hanno cercato di raggirare diversi negozianti e cittadini di Parma. Oggetto della telefonata era, oltre il verbale non pagato, anche l'abbonamento a riviste inesistenti sulle novità fiscali e sulle scadenze del pagamento dei tributi o l'acquisto di un fittizio software per evitare i controlli fiscali.  

A denunciare questi truffatori sono stati i titolari di un centro estetico e di un negozio di biciclette, che avendo ricevuto questa telefonata sospetta hanno preferito segnalare i fatti alla Direzione Provinciale di Parma. L'Agenzia delle Entrate, quindi, anche questo anno ha lanciato l'allarme preoccupata dal ripetersi di queste truffe telefoniche messe in atto da falsi funzionari del Fisco. Nel 2012, infatti, furono i cittadini di Treviso ad essere bersaglio di truffatori dalla convincente parlantina che nel corso delle telefonate sono venuti a conoscenza di informazioni personali relative anche alla situazione patrimoniale dei contribuenti.

Una situazione quella delle truffe che è destinata a ripetersi soprattutto con l'arrivo dell'estate quando le città si svuotano e bersaglio prescelto per i raggiri spesso sono le persone anziane. Le frodi, però, non risparmiano anche casalinghe e giovani e per questo motivo è importante seguire qualche consiglio:

  • Non fornire mai i propri dati personali via telefono per evitare “furti di identità”;
  • Rivolgersi subito alle Forze dell'Ordine se ci si accorge di aver subito una truffa;
  • Non firmare mai alcun contratto senza aver consultato parenti, amici, o l'Associazione dei Consumatori;
  • Ricordare che nessun Ente invia personale direttamente presso abitazioni o negozi per riscuotere tasse, pagamenti di bollette, rimborsi o per vendere riviste;
  • Non far entrare nessuna persona sospetta che si dichiari intenzionata a presentare piani tariffari o offerte vantaggiose. Se si è soli in casa verificare sempre l'autenticità dell'addetto chiamando l'azienda;
  • Non dare soldi a sconosciuti che si spacciano per funzionari di Enti pubblici o privati. Consultando i bollettini postali si potrà avere un sicuro riscontro del pagamento effettuato.

L’Agenzia delle Entrate, attraverso un comunicato, ha messo in guardia i cittadini e i negozianti da queste telefonate che diversi contribuenti, in questi giorni, hanno ricevuto. In realtà, l'Agenzia non prevede l'invio di funzionari presso abitazioni o esercizi commerciali per riscuotere pagamenti e tutte le riviste dell'ente pubblico possono essere scaricate e consultabili sul sito www.agenziaentrate.it.

Si è aperta, dunque, ufficialmente la stagione delle truffe: occhio ai raggiri!

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Aumenta il compenso dei 730

del 13/09/2010

Il compenso per Caf e professionisti per ogni dichiarazione elaborata e trasmessa per l'attività svo...