Consulenza o Preventivo Gratuito

Le novità del Decreto del fare

del 08/07/2013

Dal 22 giugno scorso è in vigore il Decreto Legge 21.06.2013 n.69, forse un po’ troppo pomposamente definito il Decreto del “Fare”.

Ma fu vera gloria?

Diciamo, innanzitutto, che l’aspetto di maggior interesse, per tutti i contribuenti, riguarda le modifiche introdotte in materia di riscossione mediante ruoli.
In quest’ambito il Concessionario della riscossione può concedere al debitore, che versi in condizioni di temporanea difficoltà, la rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo secondo un piano di dilazione della durata di 72 mesi.

Qualora poi, ed è qui la novità, il contribuente si venga a trovare in una effettiva e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, le rate potranno essere estese fino al numero di 120, beneficio che verrà mantenuto anche in ipotesi di omesso pagamento della dilazione concessa, purché le rate non saldate non siano superiori ad 8, anche non consecutive (in precedenza la decadenza avveniva dopo la mancata corresponsione di 2 rate consecutive).

Ulteriore novità, strettamente connessa a quanto sopra, è il divieto assoluto imposto  all’Agente della riscossione di procedere all’esproprio dell’immobile del contribuente, qualora questi vi risieda anagraficamente e non si tratti di un’abitazione di lusso.

In tutti gli altri casi, l’espropriazione immobiliare sarà possibile purché l’importo complessivo di quanto dovuto dal contribuente sia superiore ai 120 mila euro.

Un altro piccolo aiuto economico, concesso questa volta agli amanti del mare, è la soppressione della tassa per le imbarcazioni da diporto con scafo fino a 14 metri e la sostanziale riduzione della stessa sia per i natanti compresi tra i 14 ed i 17 metri, sia per quelli di lunghezza superiore, ma non oltre i 20 metri.

Per le imprese le agevolazioni riguardano soprattutto la semplificazione burocratica: in questa direzione va visto, infatti, l’ampliamento a 180 giorni (rispetto ai precedenti 3 mesi) della validità del DURC per i contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.

Sempre in quest’ottica va considerata anche la modifica della responsabilità fiscale negli appalti: ora l’appaltatore è solidalmente responsabile con il subappaltatore soltanto per il versamento delle  ritenute  fiscali  sui redditi  di lavoro  dipendente, nei limiti dell’ammontare del corrispettivo dovuto, con  esclusione della responsabilità solidale per il versamento dell’IVA.

Altri interventi hanno poi riguardato le modifiche apportate all’istituto del concordato preventivo, per renderlo meno soggetto ad abusi da parte degli operatori economici, nonché l’allungamento dei tempi per il versamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie (la c.d. Tobin tax) che colpisce il trasferimento di azioni e strumenti finanziari partecipativi, versamento che con il Decreto in commento è stato fissato al 16 ottobre prossimo anziché per il 16 luglio.

Infine alcune semplificazioni ed agevolazioni sono state introdotte in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro; per l’accesso al credito, con il rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese; per il rilancio degli investimenti in macchinari ed impianti produttivi, sempre per le PMI; per le infrastrutture, nonché per quanto attiene alla giustizia, con la nomina di 400 giudici ausiliari al fine di ridurre l’enorme arretrato delle cause giacenti presso le Corti d’appello e con la reintroduzione dell’obbligo della conciliazione giudiziale in precisi ambiti del contenzioso civile. Ora si tratta di aspettare: se son rose, fioriranno …

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
A Milano il fisco si paga a rate

del 16/07/2010

Secondo i dati della società che dal 2006 si occupa della riscossione delle imposte per conto dello...

I Dottori commercialisti e la nuova tariffa unificata

del 16/07/2010

Ieri il Consiglio di Stato ha dato parere positivo sulla nuova tariffa unificata dei dottori comme...

Le città del nord sono le più care

del 22/07/2010

Da un recente studio Istat, Unioncamere e Istituto Tagliacame, le città più care del nostro Paese so...